FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Donnavventura: una fuga nella laguna di Bacalar

Un luogo naturalistico dalla bellezza quasi fiabesca

Donnavventura: una fuga nella laguna di Bacalar

Quasi al limitare della costa dello stato di Quintana Roo, nella penisola dello Yucatan, in Messico, si trova una laguna dalla bellezza fiabesca, che pende il nome dalla vicina cittadina di Bacalar. Il nome potrebbe derivare dal termie maya b'ak halal che significa: circondato dai canneti, che tuttora orlano questo specchio d'acqua chiara, che si estende per chilometri seguendo il profilo della costa.

Donnavventura: una fuga nella laguna di Bacalar

I fondali bassi e la scintillante sabbia bianca che li ricopre, fanno si che l'acqua sia particolarmente trasparente, non per nulla la laguna viene anche chiamata La Baia dei 7 colori, perché tali e tante sono le tonalità di azzurro che si avvicendano, regalando a questo luogo sfumature e riflessi davvero unici. La laguna è alimentata dalle acque dolci di alcuni cenote, molto diffusi in questa regione, ed ha uno sbocco nel Mar dei Caraibi, passaggio attraverso il quale i pirati penetravano nel tentativo di conquistare la città di Bacalar.

Questa zona infatti, ha sempre esercitato un grande interesse nei conquistatori; i maya la abitarono già a partire dal 200 a.C. circa, mentre i primi coloni europei vi si insediarono a metà del XVI secolo. Gli spagnoli conquistarono la regione e la difesero strenuamente dagli attacchi dei pirati inglesi e francesi che miravano a depredare e conquistare il territorio.

Proprio per difendersi da tali attacchi, nonché dalle incursioni degli indios provenienti dall'entroterra, venne edificato a Bacalar il forte di San Felipe, dotato di poderosi cannoni posti sui bastioni e pronti a far fuoco sui nemici. Il forte mantiene tutt'ora la sua originaria imponenza ed è il simbolo della città; oggi ospita un museo all'interno del quale sono esposti armamenti e uniformi coloniali risalenti al XVII e XVIII secolo, da qui inoltre, si può ammirare la laguna, godendo di una posizione sopraelevata.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali