FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Donnavventura in Belize, tra natura e animali selvaggi

Le inviate a tu per tu con aironi, tartarughe marine e piccoli roditori

Donnavventura in Belize, tra natura e animali selvaggi

Ampia parte del territorio del Belize è ancora occupata dalla foresta originaria e questo fa si che il paese vanti una straordinaria biodiversità, sia per quanto riguarda le specie terresti che quelle acquatiche; la stima è di circa 150 specie di mammiferi, oltre 550 specie di uccelli, senza contare rettili, anfibi e le innumerevoli creature marine. La barriera corallina che si estende lungo la costa del paese è la seconda più grande al mondo dopo la Grande Barriera australiana ed è stata riconosciuta dall'UNESCO come Patrimonio dell'Umanità.

Donnavventura in Belize, tra natura e animali selvaggi

Il paese inoltre ha da tempo messo in atto misure di tutela ambientale, il 40 per cento circa del suo territorio infatti è occupato da parchi e aree protette, sotto il controllo di organismi nazionali o fondazioni private. Il mammifero simbolo del Belize è il tapiro di Baird. Il tapiro è un animale molto antico, gli scienziati sono dell'idea che non sia cambiato molto nelle ultime decine di milioni d'anni; assomiglia ad un maiale, ma è imparentato con i cavalli e i rinoceronti. La piccola proboscide prensile che lo caratterizza è in realtà un muso allungato che funziona allo stesso tempo da naso e labbro superiore e viene usata per staccare le foglie e i frutti dai rami.

L'uccello simbolo del paese invece è il tucano dal becco rosso, detto anche tucano solforato. Spicca per il grande becco dai colori sgargianti che vanno dal verde al blu, dall'arancione al rosso. La sua livrea è principalmente nera con collo e petto gialli, mentre le penne del sotto coda sono rosse e in fondo alla coda hanno una caratteristica macchia bianca. Tuttavia l'animale più affascinante e misterioso che si aggira nelle foreste pluviali del Belize è certamente il giaguaro, cacciatore implacabile il cui nome, nella lingua dei nativi americani, significa proprio: colui che uccide in un balzo. E' il più grande felino sudamericano e si ciba praticamente di tutto, dai piccoli roditori e uccelli, sino ad animali dalle dimensioni ragguardevoli come cervi, capibara e coccodrilli.

Nelle foreste si trovano anche diverse varietà di scimmie, come le urlatrici e le scimmie ragno, piccoli felini come l'ocelot e il margay, il gatto di Wied, procionidi come il cercoletto e il coati e ancora formichieri, paca, pecari e poi serpenti, iguane, rane multicolore in un tripudio di vita e bellezza.

La fascia costiera del paese è in gran parte occupata da paludi ricche di mangrovie, che segnano il confine incerto fra terra e mare, qui è possibile avvistare svariate specie di uccelli, come aironi, colibrì, pappagalli, martin pescatori e avvoltoi, un vero paradiso per i birdwatcher e gli amanti della natura.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali