ULTIMISSIMA 01:50

GUANTANAMO,OBAMA AUTORIZZA PROCESSI

- Usa, cancellato blocco attività carcere

Pubblicità
15/6/2005

Leggende metropolitane sul Web

Un sito ne raccoglie oltre 400

Le stranezze sul Web non finiscono mai. Dopo aver raccolto le leggende metropolitane più allucinanti di tutto il mondo, infatti, un etnologo di Innsbruck ha deciso di pubblicare un sito Internet dedicato alle più disparate assurdità tramandate di generazione in generazione. Nel dettaglio, finora Wolfgang Morscher è riuscito a indicizzare e organizzare circa 14mila favole classiche e contemporanee divise per categoria.

Una sezione a parte è dedicata alle cosiddette "urban legend" ordinate secondo i motivi più ricorrenti (auto, viaggio, studente e professore, gente scomparsa, animali, famiglia, computer, tecnica, fortuna o malasorte) e i loro paesi di provenienza. Tra le leggende italiane raccolte dallo studioso spiccano soprattutto quella del leone scappato dal circo che minaccia la popolazione e quella del coccodrillo che abita nelle fogne di Milano.

Altre storie curiose molto diffuse nel Bel Paese, stando sempre allo speciale elenco di Morscher disponibile all'indirizzo www.sagen.at, sono poi quella delle lamette attaccate con la gomma da masticare sullo scivolo d'acqua della piscina e quella dei film erotici criptati visibili scuotendo velocemente davanti agli occhi uno scolapasta.

In Austria va invece alla grande la storia della signora che ha messo il suo cane ad asciugare nel forno a microonde o quella del senzatetto che va dal dentista e scopre di avere i vermi sotto le protesi dentarie. Grazie all'instancabile pazienza di Morscher, anche le leggende metropolitane hanno il loro paradiso online.