FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Arriva Vicker, lʼApp italiana che vuole risolvere le piccole problematiche quotidiane

Nata dallʼidea di due giovani vicentini, la nuova creazione mira a fornire un aiuto concreto alle incombenze di tutti i giorni: dalle pulizie di casa alle ripetizioni scolastiche

Arriva Vicker, l'App italiana che vuole risolvere le piccole problematiche quotidiane

Da poco presentata al TechCrunch Disrupt di New York (un evento internazionale rivolto alle start-up in ambito tech), Vicker è una nuova App italiana gratuita che permette di cercare - nel minor tempo possibile - un lavoratore per ogni esigenza quotidiana: dalle pulizie alle ripetizioni scolastiche, dalle cure estetiche ai corsi di lingua straniera, decidendo in anticipo quanto spendere. Lavoratori, piccoli artigiani e professionisti (con o senza partita Iva) possono svolgere questi lavori in piena regola, con copertura assicurativa. Vi è altresì la possibilità di fornire feedback sul lavoratore o sull'utente che beneficia della prestazione.

Il compenso al lavoratore viene stabilito dal committente: chi paga per il servizio decide infatti quale sia l'equo compenso per quella prestazione; vi è comunque un limito minimo di 20 euro per evitare giochi al ribasso. I pagamenti avvengono tramite Paypal, con transazione autorizzata solo a lavoro concluso.

Vicker, lʼapp che libera dalle incombenze quotidiane


Vicker - disponibile sia per IoS che per Android - è nata dall'idea dei vincentini Matteo Cracco (29 anni) e Luca Menti (33), ed è attualmente operativa a Roma e Vicenza. "Quella di Vicker - spiegano - è per noi una grande sfida, che affrontiamo con un team di giovani professionisti di talento. La situazione in Italia non è delle più semplici, ma stiamo investendo appieno nel nostro progetto. C'è il desiderio di fare qualcosa di concreto inventando un sistema nuovo che ci aiuti a risolvere qualsiasi problema quotidiano, cosa molto difficile nelle grandi città".

L'obiettivo dichiarato dai due ragazzi è quello di "estendere il servizio entro pochi mesi nelle maggiori città della penisola e di arrivare ad essere nazionali entro fine anno, andando poi a coprire il territorio in modo sempre più capillare", puntando anche su "partnership e nuovi investimenti mirati per espandersi anche fuori dall’Italia".

Ecco il trailer con cui l'App è stata lanciata

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali