FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Barbara Guerra condannata per gli insulti social a Barbara dʼUrso

La showgirl aveva partecipato nel 2009 al reality show "La Fattoria"

Barbara Guerra condannata per gli insulti social a Barbara d'Urso

Barbara Guerra, 39 anni, è stata condannata dal Tribunale di Monza a sei mesi per diffamazione aggravata nei confronti di Barbara d'Urso, a cui dovrà anche risarcire i danni morali. Lo ha comunicato in una nota lo staff della conduttrice Mediaset, che aveva denunciato la Guerra nel 2013 per "una serie di insulti volgari" apparsi su Instagram.

"Nel corso del processo", si legge ancora nella nota, "è stata riconosciuta la valenza lesiva e assolutamente ingiustificata di quegli attacchi".

Tutto era iniziato dopo un servizio trasmesso a "Domenica Live" nel 2013, nel quale venivano criticate le showgirl che si denudavano sui social o vestivano in modo succinto. A sentirsi coinvolta era stata anche la Guerra che aveva replicato stizzita postando sui social una foto di Barbara d'Urso, corredata da pesanti attacchi. A quel punto la conduttrice aveva dato immediatamente mandato ai propri legali di querelare la Guerra.

Tra le apparizioni televisive della 39enne, si può ricordare quella della quarta edizione del reality show "La Fattoria" nel 2009, condotta da Paola Perego. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE