ULTIMISSIMA 01:50

GUANTANAMO,OBAMA AUTORIZZA PROCESSI

- Usa, cancellato blocco attività carcere

Pubblicità
8/12/2005

"Vorrei finire la carriera in Rai"

Maurizio Costanzo al ComuniCativo

"Vorrei concludere la mia carriera rifacendomi vivo in Rai". Con questa parole Maurizio Costanzo si racconta al Confessionale del ComuniCativo di Igor Righetti in onda su Radiouno. Il giornalista ha raccontato del suo passato: "L'incontro con Indro Montanelli a 14 anni segnò la mia vita, perchè mi confermò la voglia che avevo di fare quel mestiere", ma anche del suo presente e dei momenti difficili nei quali "chiedo consiglio a Maria".

Tanti i temi affrontati nella lunga intervista a Maurizio Costanzo, nel quale si lascia andare parlando della sua gioventù, della carriera e dell'incontro della sua vita con Indro Montanelli. "Quando avevo quattordici anni scrissi a Montanelli, lui mi telefonò e io lo andai a trovare. Questo segnò la mia vita perchè‚ mi confermò la voglia che avevo di fare quel mestiere".

 Per quanto riguarda invece la Rai che ha accompagnato tanti anni della sua carriera, dice:"Sono uno che ha parlato sempre bene della Rai, che ha sempre detto che ci sono belle professionalità. Mi racconto spesso che vorrei concludere la mia carriera rifacendomi vivo in Rai. Non lo so poi se questo accadrà o non accadrà".

Per quel che riguarda la politica, invece, il giornalista racconta: "In questa fase ho un'opinione modesta della politica italiana perchè sento poca passione, distacco con la gente, linguaggi non giusti". Comunque l'uomo politico italiano che più apprezza è Fassino "perchè ha passione e si butta nelle cose. Quando parla capisci che sa quello che dice. A seguire D'Alema e Rutelli". Infine dei suoi progetti futuri dice:"l'importante è farne sempre, se a una certa età non fai progetti finisci", e racocnta: "Mi piacerebbe organizzare un bel palinsesto del digitale o del satellitare".