ULTIMISSIMA 01:50

GUANTANAMO,OBAMA AUTORIZZA PROCESSI

- Usa, cancellato blocco attività carcere

Pubblicità
17/11/2004

"Dispiaciuta per il caso Rossella"

Moglie di Mentana torna su polemica

Dopo le polemiche suscitate dalle forti dichiarazioni contro Carlo Rossella rilasciate nel corso del programma Markette, Michela Rocco di Torrepadula, moglie dell'ex direttore del TG5 Enrico Mentana abbassa i toni e si dice "dispiaciuta". Ho detto mille volte che Rossella è un ottimo direttore ma ci sono rimasta male per Enrico per una questione di amicizia", dice Michela il giorno dopo la polemica. "Secondo me si doveva parlare prima".

Michela Rocco di Torrpadula

LE DICHIARAZIONI A MARKETTE
"Secondo me Carlo Rossella è un grande professionista, ma dal punto di vista umano non vale niente ed è un amico di m...", aveva detto la Torrpadula durante la trasmisione di Piero Chiambretti in onda su La7. "Ogni volta che incontravo Carlo gli dicevo: senti ma tu non ti stai preparando ad arrivare al TG5 al posto di Enrico? E lui io? Assolutamente no, non ci penso proprio. Sto talmente bene a Panorama. Si vede però che il panorama non era sufficiente dalla sua finestra e si è trasferito al Palatino". "Gliel'ho ripetuto", aveva aggiunto, "anche quando abbiamo festeggiato i nostri due anni di matrimonio, il 6 luglio di quest'anno e anche poche settimane fa; è questo che mi ha dato fastidio, ma non doveva dirlo a me, doveva dirlo a mio marito". In un altro passo la moglie dell'ex direttore del TG5 ha aggiunto "Beh, diciamo che siamo a sei mesi dalle regionali e a un anno e mezzo dalle politiche, forse si vuole indirizzare il TG5 verso un'altra strada, parlare più di politica, magari fare più marchette". E ha concluso dicendo: "mio marito è veramente un grande, perché non ha risentimenti per nessuno. E' questa la cosa fantastica che io sono qua che lo difendo, tra virgolette, ma lui non ha risentimento assolutamente per nessuno. Poi non so se fa un po' il cinese e aspetta il cadavere che passa".

IL GIORNO DOPO
"Ho usato toni forti perchè sono dispiaciuta dal punto di vista dell'amicizia. E quando si parla di amicizia si usano toni forti", ha spiegato poi la Torrepadula il giorno dopo la trasmissione. "Ho detto mille volte che Rossella è un ottimo direttore ma ci sono rimasta male per Enrico per una questione di amicizia. Secondo me si doveva parlare prima. Io, almeno, sono fatta cosi, magari sbaglio. La sostituzione con Rossella era una voce che circolava da tempo, era tutto sottinteso, però si poteva essere più chiari tra amici. E' questo che mi ha dato fastidio. E' come se in una coppia scoppiata un amico vuol soffiarti la fidanzata: se te lo dice prima e parla chiaro, magari è meglio".

"Tutto il resto", dice ancora la moglie di Mentana, "è giustissimo. Tutti hanno cambiato lavoro, ci sta che lo facesse anche Enrico. Non ho detto quelle cose da Chiambretti perchè sono arrabbiata, perchè mio marito non dirige più il TG5 e neppure perchè un amico non può prendere il posto di un altro amico. Ho usato toni forti, questo mi dispiace, mi sono fatta trasportare ma parlavo di amicizia. E comunque ho parlato a titolo personale, ci sono rimasta più male io che mio marito. Il clamore che ha avuto l'intervista? Lo capisco, è normale. Ho usato un termine forte, c'era da aspettarselo. Enrico ci teneva molto all'amicizia di Carlo. Rossella? No, questa mattina non ci siamo sentiti per chiarire. Come ha reagito mio marito all'intervista? Sapeva che andavo in quella trasmissione e poteva immaginarsi qualche domanda al riguardo. E sa che sono sincera".