FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Caso "cicciottelle", pace tra le azzurre dellʼarco e Giuseppe Tassi

Il direttore del QS, sospeso in seguito alle polemiche generate dal titolo del quotidiano, si è scusato in diretta tv con Guendalina Sartori, Claudia Mandia e Lucilla Boari

Caso "cicciottelle", pace tra le azzurre dell'arco e Giuseppe Tassi

Pace fatta in diretta tv tra le atlete del tiro con l'arco, quarte alle Olimpiadi di Rio de Janeiro, e Giuseppe Tassi, il direttore del "QS Quotidiano Sportivo" sospeso dall'incarico per il titolo in cui le azzurre Guendalina Sartori, Claudia Mandia e Lucilla Boari erano state definite "cicciottelle". Tassi ha rinnovato le scuse alle atlete, che hanno accettato chiudendo il caso.

Il chiarimento è avvenuto durante la trasmissione "Agorà" di Rai3. Tassi ha fatto nuovamente mea culpa davanti a Claudia Mandia e Guendalina Sartori (Lucilla Boari non presente in studio), ringraziandole anche per l'atteggiamento equilibrato tenuto nella polemica divampata sui social.

Giuseppe Tassi era stato rimosso dalla direzione del quotidiano in seguito alle critiche scatenatasi intorno all'infelice titolo, che ha generato la viva protesta della FITArco e non si erano placate nemmeno di fronte alle scuse del direttore e alla drastica contromisura intrapresa dall'editore Riffeser-Monti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali