FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Olimpiadi, Malagò: "Finisce il percorso di Roma 2024"

Il presidente del Coni: "Ho scritto al Cio la lettera di interruzione della candidatura"

Olimpiadi, Malagò: "Finisce il percorso di Roma 2024"

Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha annunciato l'interruzione della candidatura di Roma per le Olimpiadi 2024. "Questa mattina ho scritto al Cio la lettera con la quale interrompiamo il percorso di candidatura di Roma 2024 - ha dichiarato il numero 1 dello sport italiano  - L'unica lettera che conta è quella del presidente del Comitato olimpico". Poi l'annuncio: "Candideremo Milano per ospitare la sessione del Cio del 2019".

Malagò non nasconde la sua amarezza e attacca il sindaco Raggi. "Ho sempre sostenuto che per portare avanti questo progetto servivano tre gambe ma una di queste, secondo me e secondo la stragrande maggoranza degli italiani, per motivi ideologici e demagogici è venuta a mancare quindi sono stato costretto mio malgrado ad interrompere questo percorso ad 11 mesi dal traguardo. Un progetto che sarebbe stato difficile da battere. La Raggi sbaglia, le spese sarebbero stati sostenute dal governo e dal Cio. Hanno detto che è da irresponsabili dire 'sì' alla candidatura di Roma 2024. Io dico che è irresponsabile dire no. Dire no ai soldi del Cio e del governo con il quale si sarebbero potute fare opere utili per la città così come è irresponsabile rinunciare a 177mila posti di lavoro".



Il presidente del Coni annuncia un'iniziativa per riavvicinarsi al Comitato Olimpico Internazionale. ''Ho deciso di candidare Milano per ospitare la sessione del Cio del 2019. E' la prima data utile visto che nel 2017 la sessione si terra' a Lima e nel 2018, anno olimpico, sara' a Pyeongchang''. Lo ha detto Giovanni Malago' durante una conferenza stampa al Coni. ''Credo - ha sottolineato - che la sessione del Cio del 2019 a Milano sia il nostro primo passo per riavvicinare l'Italia dopo questa inaccettabile interruzione di Roma 2024. Ne ho parlato col Governatore Maroni e col Sindaco Sala che si sono detti entusiasti''.

Poi Malagò illustra i prossimi progetti del Coni. "D'ora in avanti concentreremo sforzi e interessi esclusivamente sui nostri asset che a Roma sono il Centro di Preparazione Olimpica Giulio Onesti e il Parco del Foro Italico, un'area che il mondo ci invidia e sui quali la Coni Servizi da oltre un decennio ha investito e continuera' a farlo - ha spiegato il numero 1 dello sport italiano - Interrompendo il cammino di Roma 2024, è chiaro ed evidente che anche il Coni e la Coni Servizi dovranno rimodulare e rimodellare i loro impegni e le loro strategie sia in termini di sviluppo organizzativo sia di impiantistica sportiva"

Malagò ha anche anticipato alcuni lavori di ristrutturazione e ampliamento degli impianti già esistenti nel Parco del Foro Italico, in primis la "copertura del Centrale entro il 2019 - ha sottolineato - altrimenti c'è il rischio che l'Atp, modificando i criteri di accesso al Master 1000, dequalifichi il Torneo oppure ci chieda altra sede, col rischio concreto che gli Internazionali possano andare altrove". Infine, "nell'estate del 2017 - ha concluso - l'avvio dei lavori di ristrutturazione dello Stadio Olimpico così come richiesto dall'Uefa per gli Europei 2020 fortemente voluti dalla Federcalcio e dal Coni".

Poi racconta dei tentativi fatti con la Raggi e Grillo. "Se avessi incontrato la sindaca Raggi le avrei detto che avrei fatto di tutto per portare le Olimpiadi a Roma in modo lecito. Invece con la sindaca non ho mai potuto parlare. Ho provato a parlare anche con Beppe Grillo, anche qui senza riuscirci. A lui e alla Raggi avrei proposto un dream team di tre nomi: presidente del Comitato organizzatore sarebbe stato Nevio Alessandri, molto stimato al Cio; a dare una patente di rispetto un amico di infanzia di Grillo, l'architetto Renzo Piano. E la terza persona sarebbe stato il generale Enrico Cataldi, il nostro procuratore generale dello sport, tra l'altro contattato dall'amministrazione di Roma per dare una mano.

Poi i ringraziamenti a tutti coloro che hanno sostenuto la candidatura. Diana Bianchedi scoppia in lacrime, Malagò le trattiene a stento. "Da oggi ufficialmente il comitato promotore va in liquidazione. 'Per noi è una grande ferita, spero ci si renda conto della figuraccia fatta''.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali