FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Inter, Thohir: "L'obiettivo è la Champions League" 

Il presidente nerazzurro: "Il progetto si spalma in due-tre anni" 

- Erick Thohir va avanti per la sua strada: "Siamo su quella giusta, il nostro progetto si spalma in 2-3 anni e l'obiettivo è la Champions League". Sono questi i passaggi chiavi del discorso del presidente indonesiano durante l'assemblea dei soci. Il proprietario dell'Inter ha spiegato nuovamente il suo progetto: "Sono convinto della solidità della squadra. Il perché di alcune scelte? Vedremo i risultati".

Inter, Thohir: "L'obiettivo è la Champions League" 

Thohir pensa ai ricavi e allo stadio: "I ricavi non vengono solo dai media, ma anche da stadio e altri aspetti commerciali. Le notizie buone non sono legate ai numeri dei ricavi, ci sono anche altre informazioni come gli accordi per i diritti televisivi, la raccolta nei prossimi 2-3 anni dalle sponsorizzazioni. Per quanto riguarda i ricavi dallo stadio, bisogna agire in fretta perché altri club hanno già annunciato la costruzione di stadi nuovi e non possiamo arrivare decimi in questo".
Poi una frecciatina: "A volte i tifosi dimenticano quello che facciamo di buono e ricordano solo le cose andate storte. Molti media hanno detto che sono entrato nel mio ruolo il 15 ottobre, ma è avvenuto il 15 novembre. In questi 11 mesi abbiamo fatto proprio questo, abbiamo cambiato tante cose. Abbiamo fatto arrivare già a gennaio giocatori nuovi, sono arrivati Hernanes e D'Ambrosio con grosse spese. In estate abbiamo speso soldi, ma la gente si ricorda solo le cessioni perché bisogna rispettare la comproprietà. Ma in realtà il club spende e parecchio, abbiamo fatto entrare più giocatori per essere competitivi. Se guardiamo i nostri obiettivi, e lo dicevo l'anno scorso, avveamo un obiettivo di 26,5 di età media. Siamo arrivati a 26,4. Ed è importante rispettare il FFP".
Il presidente indonesiano vuole un grande gruppo di lavoro: "Io non posso essere un leader di quelli che quando qualcosa va storto dà la colpa in giro. Come leader devo capire dove ho sbagliato o dove ha sbagliato il management. Per questo prendiamo le decisioni collettivamente perché tutti vogliamo riportare in alto l'Inter. Bisogna passare dal decimo al nono, ottavo, settimo posto e continuare a salire. Ma alla fine conta aver costruito una squadra forte nonostante le difficoltà, che riguarderanno molte altre società. Nei prossimi due anni altri avranno enormi problemi se non si farà squadra con la Lega".

AUSILIO: "NESSUNA POSTILLA NEL CONTRATTO DI MAZZARRI"

Tocca ad Ausilio confermare Mazzarri: "Non c'è alcuna postilla nel contratto, è stato prolungato di un anno quello previsto con scadenza 2015. Ci sono solo premi che si aggiungono al contesto fisso riconosciuti sulla base di successi. Solo cose positive. L'obiettivo primario è l'Europa League, ma cercheremo di andare in Champions League. Per il resto, la strada e quello che vogliamo tutti, Mazzarri per primo, è quella che ieri sera abbiamo intravisto. Abbiamo sbagliato due partite, ci siamo assunti tutti le nostre responsabilità, a partire dalla condizione fisica e da quello che c'è dietro".

TAG:
Inter
Moratti
Thohir