> Tgcom24 > Sport > Basket > Basket, Roma batte Cantù e va in finale
6.6.2013

Basket, Roma batte Cantù e va in finale

Finisce 89-70 per i capitolini che sfideranno una tra Varese e Siena

foto LaPresse
10:01 - L'Acea Roma è la prima finalista del campionato di basket. La Virtus ha vinto 89-70 gara-7 della semifinale playoff con la Lenovo Cantù fissando la serie sul punteggio definitivo di 4-3. Tra i capitolini brilla Taylor con 18 punti, mentre l'attesissimo Datome (giocatore in odore di Nba) si ferma a quota 9. Tra i brianzoli è super Aradori con 20. Venerdì sera la bella dell'altra semifinale Varese-Siena.
In un PalaTiziano da urlo l'Acea Roma conquista la terza finale scudetto della sua storia, dopo quella persa cinque anni fa con Siena. A farne le spese è la Lenovo Cantù che capitola per 89-70 nella bolgia dell'impianto capitolino. Il Palazzetto era gremito in ogni ordine di posto, tanto che la società virtussina ha dovuto allestire un maxischermo all'esterno. La squadra di coach Calvani, che aveva iniziato il campionato tra tante incertezze, non ferma la sua stoica cavalcata, fa sua gara7, e si ritrova così a lottare a sorpresa per lo scudetto, precisamente 30 anni dopo quello storico vinto dal Banco Roma di Valerio Bianchini.

I protagonisti della serata sono Taylor (18 punti a referto) e Goss (16) ma e' tutta la Roma a lottare e con Lawal inarrestabile sotto canestro. L'americano, che piace a molte squadre della Nba, segna il 9-2 (+7) dopo 7'49", costringendo coach Trinchieri a sprecare il primo time out per svegliare i suoi, storditi da un PalaTiziano che sente profumo d'impresa. La Lenovo accorcia e con Leunen trova la tripla del -2 (11-9) quando è trascorso metà della prima frazione. Ma l'Acea di stasera ha fame di gloria e con Lawal torna sul +7 (17-10) e nonostante i canturini aggrediscano a tutto campo è proprio la Virtus a chiudere avanti (18-16).

Le triple di Goss e D'Ercole danno il via al secondo quarto, ma sono i canestri di capitan Datome e Goss a regalare al quintetto di casa il +12 (28-16), mandando in visibilio il gli oltre 4.000 spettatori del PalaTiziano. Ci prova Aradori (20 punti), il migliore dei suoi, a tenere in partita i suoi ma è Goss a piazzare sulla sirena il 42-32. Al rientro dagli spogliatoi ci pensa ancora Goss ad incrementare, ma e' Taylor e a regalare all'Acea il momentaneo +16 (52-36). Cantu' tenta in tutti i modi a ricucire alternando la difesa a zona a quella a uomo ma questa Virtus non sa cosa vuol dire mollare e arriva agli ultimi 10 minuti ancora in vantaggio (61-53). Dieci minuti che non sembrano finire mai, ma in questa pagina del basket italiano la Lenovo ha soltanto il ruolo di comparsa e, sul finire, subisce da Jones anche il massimo svantaggio +24 (87-63). E' standing ovation, Roma è in finale. E il sogno continua.

IL TABELLINO

Roma: Goss 16, Jones 14, Tambone, Gorrieri D'Ercole 8, Datome 9, Bailey 3, Taylor 18, Lawal 15, Czyz 5, Lorant 1. N.e.: Tonolli. All.: Calvani.
Cantù: Abass, Scekic 8, Leunen 8, Mazzarino 5, Brooks 6, Tyus 4, Tabu 3, Ragland 16, Aradori 20, Cusin, Mancinelli. N.e.: Smith. All. Trinchieri.
Arbitri: Cicoria, Mattioli, Aronne.
Note - Tiri liberi: Roma 6/13, Cantu' 7/11. Tiri da tre: Roma 9/21, Cantù 5/19. Rimbalzi: Roma 41, Cantu' 30. Usciti per 5 falli: nessuno.
Spettatori: 3.491.
OkNotizie
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile