10/8/2007

Capirex, nuovi guai con il Fisco

Non avrebbe dichiarato 1,3 mln di euro

Dopo Valentino Rossi un altro asso del Motomondiale è stato pizzicato per evasione al Fisco italiano. Si tratta di Loris Capirossi, ma per il pilota emiliano della Ducati non si tratta della prima volta, non aveva infatti dichiarato redditi per quasi 8 milioni di euro già tra il 1995 e il 2000. Questa volta Capirex, che dichiara di risiedere a Montecarlo, avrebbe invece evaso 1,3 milioni di euro relativi all'anno 2002.

Loris Capirossi ci ricasca, o meglio, per il Fisco italiano il polita di Imola non è residente a Montecarlo come affermerebbe, e quindi i conti non tornerebbero ancora. Questa volta si parla di 1,3 milioni di euro risalenti al 2002, che vanno ad aggiungersi agli 8 milioni di euro del periodo 1995-2000. Per questi ultimi Capirex ha già perso la causa davanti alla Commissione Tributaria. Il nodo è il suo trasferimento di residenza all'estero, che il campione di motociclismo ha fissato nel Principato di Monaco. La normativa prevede infatti che, anche nel caso in cui il contribuente, pur avendo trasferito all'estero la propria residenza anagrafica, abbia mantenuto in Italia il proprio domicilio, cioè la sede dei propri interessi economici, i suoi guadagni vanno assoggettati a tassazione nel nostro Paese.

Il Fisco ha, fino ad ora, avuto la meglio nella causa con Capirossi basandosi sul fatto che il pilota Ducati ha mantenuto in Italia la titolarità di ben 5 conti correnti con banche italiane e interessati da numerosi movimenti per importi tutt'altro che modesti, oltre alla disponibilità di una villa (acquistata per interposta società a Riolo Terme, nel ravennate), nella quale si recava con frequenza. Ora il nuovo guaio: la lite con il Fisco sembra proprio essere una storia infinita.