FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

"Il Palazzo del Vicerè", una storia dʼamore nellʼIndia di Gandhi

La regista di "Sognando Beckham" torna al cinema

A 70 anni dall'indipendenza indiana, la regista Gurinder Chadha torna dopo il successo di "Sognando Beckham" per ricostruire il momento politico e diplomatico che portò alla partizione dell'India nel film "Il palazzo del Viceré". Racconta la storia d'amore tra due giovani, la musulmana Aalia e l'induista Jeet, durante i tumultuosi anni della fine dell'impero britannico in India.Tgcom24 vi offre una clip eslusiva della pellicola che arriva in sala dal 12 ottobre.

Siamo nel 1947 e, dopo 300 anni, il dominio dell’Impero Britannico in India si avvicina alla fine. Il nipote della Regina Vittoria, Lord Mountbatten, con la moglie e la figlia, si trasferisce per sei mesi nel Palazzo del Viceré a Delhi. Nel ruolo di ultimo Vicerè ha il delicato compito di accompagnare l’India nella transizione verso l’indipendenza. Nonostante gli insegnamenti di Ghandi, la violenza esplode tra musulmani, induisti e sikh, e sfocia nella cosiddetta “partition” fra India e Pakistan, coinvolgendo anche gli oltre 500 membri dello staff che lavorano al Palazzo. La storia d’amore tra due giovani indiani, entrambi a servizio del Viceré, la musulmana Aalia e l’induista Jeet, rischia di essere travolta dal conflitto delle rispettive comunità religiose. I due si troveranno a dover prendere una decisione epocale...

Gurinder Chadha è nota nel panorama internazionale per la regia di "Sognando Beckham", un film che 15 anni fa colpì pubblico e critica per aver saputo trattare la tematica delle origini indiane immerse nel mondo occidentale.

Il film è stato presentato Fuori Concorso alla 67esima edizione del Festival del Cinema di Berlino.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE