FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Lʼaddio a Dario Fo a Milano sulle note di "Bella Ciao"

Migliaia di persone nel centro di Milano per lʼultimo saluto al premio Nobel

L'addio a Dario Fo a Milano sulle note di "Bella Ciao"

Migliaia di persone tra rappresentanti delle istituzioni, amici, colleghi, giornalisti e cittadini comuni si sono ritrovati in Piazza Duomo a Milano per dire addio a Dario Fo. Il figlio Jacopo nel suo discorso ha ricordato il padre e la madre Franca Rame, scomparsa tre anni fa: "Sono sicuro che adesso sono insieme e si fanno delle gran risate". Presente anche Beppe Grillo che ha chiesto un po' di silenzio per il premio Nobel.

RAGGI E APPENDINO NEL CORTEO FUNEBRE - Il sindaco di Roma, Virginia Raggi, ha ricordato Fo come "una persona entusiasta della vita e questa è la sua eredità". A Milano anche il primo cittadino di Torino Chiara Appendino e il ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina.

FOLLA GRIDA 'DARIO, DARIO' - Prima che cominciasse la cerimonia laica dei funerali di Fo alcune persone, tra il pubblico hanno cominciato a scandire il suo nome: "Dario, Dario". Le grida hanno preso corpo ed sono state seguite da applausi delle migliaia di persone presenti. In piazza Duomo, intanto, dagli altoparlanti e' partita una delle canzoni di Fo, 'Stringimi forte i polsi'.

L'ARRIVO DI BEPPE GRILLO AI FUNERALI - Beppe Grillo, accompagnato tra gli altri da Luigi Di Maio, è arrivato sul sagrato del Duomo di Milano a cerimonia già iniziata. Il leader dei 5 Stelle ha abbracciato a lungo il figlio di Fo, Jacopo, e ha poi preso posto di fianco a lui con il vice presidente della Camera Luigi Di Maio. "Facciamo un po' di silenzio su Dario" il commento del leader del Movimento 5 Stelle a margine della cerimonia.

Dario Fo, da Beppe Grillo a Roberto Saviano: lʼaddio al Maestro

Tanti cittadini comuni, ma anche rappresentati delle istituzioni e colleghi per l'addio al premio Nobel

leggi tutto

CARLIN PETRINI, FONDATORE SLOW FOOD - "Dobbiamo riaffermare con forza questa simbiosi stretta tra l'arte di Dario Fo e il suo impegno politico guidato da suo senso civico. Pensare a Dario senza la politica corrisponde dalle mie parti a pensare ad un buon vino fatto senza uva". Lo ha detto Carlin Petrini nell'orazione funebre in ricordo di Dario Fo in piazza del Duomo a Milano. In questa giornata "che celebriamo è meglio essere generosi che avari" ha continuato "Celebriamo il più grande tra di noi, che aveva la capacità di dileggiare i potenti con uno sberleffo. Allegri bisogna stare perché troppo piangere non rende onore ai nostri amici e perché celebriamo la vita".

IL PUGNO CHIUSO DEL FIGLIO JACOPO - "Può succedere che la gente senza potere, che non ha nulla da perdere, il potere possa prenderlo". Lo ha detto Jacopo Fo ricordando l'insegnamento del padre Dario Fo, e della madre Franca Rame "Noi siamo comunisti e atei però mio padre non ha mai smesso di parlare con mia madre e chiederle consiglio. Siamo anche un po' animisti, perché non è possibile morire veramente. Sono sicuro che adesso sono insieme e si fanno delle gran risate". Jacopo Fo ha concluso il suo intervento in ricordo del padre Dario a pungo chiuso e dicendo: "Grazie compagni, grazie".

IN PIAZZA ANCHE "SOCCORSO ROSSO" - Tre persone hanno esposto una bandiera di 'Soccorso rosso' dalla balconata del museo del novecento, per salutare Dario Fo al termine della cerimonia laica in piazza del Duomo. "Dario vive e lotta insieme a noi", hanno scandito i militanti dell'organizzazione comunista a cui Fo aderì.

PIAZZA SALUTA DARIO CON 'BELLA CIAO' - Si è conclusa con l'esecuzione di 'Bella Ciao' da parte della Banda degli Ottoni la cerimonia laica di Fo sul sagrato di piazza Duomo. La canzone è stata cantata da alcune migliaia di persone presenti in piazza.

DARIO RIPOSERA' VICINO ALLA SUA FRANCA - La salma di Dario Fo è stata deposta al Famedio del cimitero Monumentale di Milano, accanto a quella di Franca Rame. La bara è stata prima posizionata sotto la statua di Francesco Hayez, dove ci sono numerosi mazzi di rose e una foto di Fo. Attorno a Jacopo Fo, figlio di Dario e Franca, gli amici e i conoscenti più stretti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali