FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Pink Floyd, esce una raccolta dei loro primi 7 anni tra inediti e rarità

Arriva nei negozi un super box con 28 ventotto dischi tra cd audio, dvd e blu-ray della storica band britannica

Pink Floyd, esce una raccolta dei loro primi 7 anni tra inediti e rarità

Concerti inediti, registrazioni rare e partecipazioni a programmi pop della tv europea in un vero e proprio scrigno di ricordi e rarità. I primi anni dei Pink Floyd, dal 1965 al 1972, sono raccolti adesso in un boxset "The Early Years 1965-1972" in uscita l'11 novembre. Una preziosa opera composta da 28 dischi, divisa in 6 volumi (1965-1967; 1968; 1969; 1970; 1971; 1972), più un volume bonus contenente fra gli altri i film 'The Committee', 'More' e 'La Vallée' di cui il gruppo compose le colonne sonore.

Dagli inizi alla ribalta internazionale ecco quindi una raccolta dei primi 7 anni di storia dei Pink Floyd. Scavando negli archivi della band (e in particolare del batterista Nick Mason, che si è impegnato in prima linea in questo lavoro di ricerca), e tra scaffali di collezionisti e bobine di emittenti televisive, è stato possibile raccogliere materiale inedito e sorprendente. Tra demo e remix di brani già noti, spiccano le improvvisazioni, i balletti coreografati da Roland Petit o gli happening come lo show concettuale 'The Man/The Journey', mentre si segue lo sviluppo di uno stile dalle radici blues alla psichedelia fino a un suono orchestrale ambizioso.

Tra le gemme rare si contano oltre 20 brani inediti, fra cui perle degli inizi con Syd Barrett come 'Vegetable Man', 'In the Beechwoods' o 'John Latham' (in 9 differenti versioni), registrate in una celebre sessione "perduta" del 20 ottobre 1967 nei De Lane Lea Studios di Londra.

Per i collezionisti più voraci lo scrigno di 'The Early Years' è anche ricco di memorabilia: riproduzioni di volantini e biglietti per i concerti di quell'anno, e tra questi documenti una copia della newsletter del 1968 per il fan club che contava fra i membri onorari personaggi pop degli anni '60 come Eric Clapton e Ginger Baker dei Cream o il calciatore George Best. Un gusto per l'oggetto nostalgico che investe anche le fedeli riproduzioni in vinile dei primi 45 giri della band, classici come 'Arnold Layne' e 'See Emily Play'. Ma insieme alletestimonianze tangibili o meno di un'epoca, tra out-take e versioni live talvolta dal valore soprattutto documentario, la collezione propone anche istantanee di grande musica, come l'arrangiamento per soli coro e orchestra di 'Atom Heart Mother' di un estratto video del 1971.

Uno spazio particolare nelle esplorazioni fra rock e sonorizzazione è riservato poi alla produzione per il cinema: come le 16 tracce composte per 'Zabriskie Point' di Michelangelo Antonioni e mai utilizzate, tra cui la pianistica 'The Riot Scene' costruita sullo stesso giro armonico di 'Us and Them' poi incisa in 'The Dark Side of The Moon'. Altre testimonianze italiane sono due filmati delle esibizioni a Roma nell'aprile e maggio 1968: un frammento di 'It Would Be Nice' registrato dalla BBC al club Piper e'Interstellar Overdrive' ripreso dalla tv tedesca al Palazzetto dello Sport per il festival Pop 68. Del resto, l'amore degli italiani per i Pink Floyd è inossidabile, con i dischi più celebri fissi in top 100 ogni settimana: non è un caso allora che Warner Music abbia disposto di distribuire in Italia 3mila copie di un boxset tanto ricco quanto oneroso, considerato il costo di almeno 440 euro.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE