FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Giovanni Vernia: "Mi tolgo le maschere e racconto come sono diventato un comico"

L’attore è in scena al Manzoni di Milano il 16 aprile con “Sotto il vestito: Vernia”

Giovanni Vernia: "Mi tolgo le maschere e racconto come sono diventato un comico"

La gente lo conosce come il discotecaro un po' svalvolato Jonny Groove. E per molti altri personaggi comici. Ma Giovanni Vernia era destinato a tutt’altra vita. Come racconta in “Sotto il vestito: Vernia”, in scena al Teatro Manzoni di Milano il 16 aprile. "Ci saranno le maschere dei miei personaggi ma soprattutto me stesso" spiega a Tgcom24.

Giovanni è un ragazzo normale, nasce a Genova e proviene da una famiglia di origini meridionali. Il padre, maresciallo della guardia di finanza, gli dà un’educazione severa e i mezzi per studiare. Giovanni si laurea così a pieni voti in ingegneria e si trasferisce a Milano dove si avvia a una brillante carriera da manager. Tutto sembra andare perfettamente ma un giorno, quasi per caso, si trova catapultato nel mondo dello spettacolo: arrivano Jonny Groove e Marco Mengoni, Pif e Jovanotti... e la sua vita cambia… “Ero avviato a una vita normale, ero uno che doveva fare ogni giorno la fila in tangenziale per andare nel suo ufficio a fare l’ingegnere, e l’ho anche fatto per 10 anni”.

Quanto è stato difficile scegliere tra una vita sicura e il sogno?
Ci ho messo un anno e mezzo per decidere di lasciare il mio lavoro. A lungo ho fatto entrambe le cose, facevo le conference call per la mia azienda dai camerieri dello Zelig. Tieni conto che c’era anche la mia famiglia di mezzo: mio papà era un militare, un maresciallo della guardia di finanza. Posso lasciarti immaginare il feedback quando, lui che mi immaginava a Milano a fare l’ingegnere, ha scoperto tutto…

Come l’ha presa?
Diciamo che non l’ha presa proprio benissimo. Si è abituato con il passare del tempo. Alcuni personaggi, in particolare Johnny Groove, non li ha mai digeriti. Altre cose, per fortuna, gli sono piaciute molto.

Qualcuno ti ha aiutato a prendere la decisione?
Quelli di Zelig insistevano sul fatto che io potessi fare questo mestiere, ma io, da buon genovese diffidente, temporeggiavo. Chi mi ha dato il “La” è stata mia moglie. Nel momento di massima crisi, di fronte all’aut aut, quando rifiutavo le serate per fare altro. Lei mi disse: “Dai, basta. E’ sempre stato il tuo sogno: vai e fatti onore”. Da lì l’ho soprannominata Adriana, come la moglie di Rocky Balboa.

Adesso tutto questo è diventato uno spettacolo...
Sì, nel quale racconto me stesso e questa passione per far ridere che mi ha portato a stare davanti a milioni di persone. Racconta come sono e come mai sono arrivato all’improvviso in televisione. Io quasi mi vergogno a pronunciare questa parola ma è un “one man show”. C’è un maestro musicale con me, che è Marco Sabiu, che ha diretto tre Festival di Sanremo e il “Rock in mille”.

Quindi ti presenti senza le maschere dei tuoi personaggi?
La gente è abituata a vedermi travestito da qualche maschera. Nello spettacolo ci sono, ma sono soprattutto io. Basta una faccia, una posizione del fisico e una voce e il personaggio esce. Ce ne sono anche tanti nuovi.

Cos’altro deve aspettarsi chi verrà a vederti?
Faccio un po’ di ironia sulle nostre manie, tipo le serie tv, e quindi prendo personaggi da quelle, o da X Factor. E poi ragiono sul politically correct: oggi dobbiamo stare attenti a tutto ciò che diciamo. Ci sono canzoni che sono bellissime ma con le regole di oggi non si potrebbero più usare, tipo i “Watussi” di Edoardo Vianello. Come si potrebbe mai cantare degli “altissimi negri”? E poi gioco un po’ con il pubblico.

In che senso?
Non posso dire molto perché è una sorpresa, ma c’è un momento in cui la gente in sala viene coinvolta al punto di diventare inconsapevolmente autrice di un pezzo di musica dance. E’ tutto da vedere!

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE