FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Addio a Riccardo Garrone, 50 anni di carriera da Fellini alla tv

Lʼattore si è spento in ospedale a Milano. Aveva 89 anni

Addio a Riccardo Garrone, 50 anni di carriera da Fellini alla tv

E' morto a Milano, Riccardo Garrone, volto della commedia italiana e della tv, dove ha recitato in numerose fiction e spot pubblicitari. L'attore si è spento in ospedale a 89 anni. Nella sua carriera, lunga più di 50 anni, ha lavorato con tutti i grandi maestri del cinema italiano, da Fellini ne "La Dolce Vita" a Mario Monicelli, e poi Dino Risi, Luigi Zampa, Ettore Scola, Damiano Damiani.

Nato a Roma il 1 novembre 1926, nel 1949, Riccardo Garrone aveva frequentato l'Accademia Nazionale di Arte drammatica e aveva esordito sul grande schermo in "Adamo ed Eva" di Mario Mattoli.

Attore dotato di straordinaria ironia, conquistò numerosi ruoli in tante commedie del dopoguerra, senza sfigurare nei ruoli drammatici in capolavori come "La Dolce Vita" o "La romana" di Luigi Zampa.

Garrone aveva recitato anche in teatro, dove aveva debuttato nel 1950. Stimato doppiatore di film d'animazione ("Lilli e il Vagabondo", "Toy Story 3", su tutti), a metà degli Anni Settanta, si era cimentato anche con la regia con due film: "La mafia mi fa un baffo" (parodia de "Il padrino") e la commedia sexy "La commessa".

Dagli Anni Novanta in poi, aveva partecipato a serie tv e fiction di successo, da "Amico Mio" a "Un medico in famiglia".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali