FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

"Gomorra", i destini "criminali" degli attori del film

Una vera maledizione quella legata al celebrato lungometraggio di Garrone: fino ad ora sono stati arrestati sette interpreti

L'ultimo in ordine di tempo è stato Salvatore Russo. Con lui sono sette gli attori del film "Gomorra" di Matteo Garrone, tratto dall'omonimo romanzo di Roberto Saviano, finiti in prigione per crimini vari: una vera maledizione. Russo, sul grande schermo, impersonava un affiliato alla camorra che addestrava le future vedette sparando contro il giubbotto antiproiettile che indossavano. Nella vita reale è stato arrestato perché dirigeva una piazza di spaccio a Scampia.

Il premiato film di Garrone è arrivato al cinema nel 2008 e da lì il confine tra finzione e realtà si è fatto davvero labile per alcuni dei protagonisti. Si parte con Pjamaa Azize, che in alcune scene aveva interpretato la parte di un pusher, stessa attività per cui è stato arrestato. Poi è finito nel carcere di Poggioreale con l’accusa di spaccio di stupefacenti il giovane Nicola Battaglia, uno dei ragazzi sottoposti alla prova del fuoco proprio da Salvatore Russo. Stessa sorte è toccata a un uomo, impiegato del Comune di Napoli, destinatario di un'ordinanza di custodia cautelare della Procura di Napoli per concorso in spaccio di droga.

A Castel Volturno è stato arrestato prima una comparsa, Marcello D’Angelo, e poi Giovanni Venosa, appartenente all’omonimo clan parte integrante dei Casalesi, che nel film recitava la parte del capo che intimava a due ragazzi di non intraprendere attività criminali sul suo territorio. Poi è stata la volta di Bernardino Terracciano, boss "Zì Bernardino" nel film, condannato all'ergastolo per duplice omicidio.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE