FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Dior: la collezione per lʼestate 2018

Naomi Watts e tante altre star nel parterre.

Durante le sue ricerche negli archivi della Maison Dior, una serie di fotografie di Niki de Saint Phalle ha catturato l’attenzione di Maria Grazia Chiuri, Direttrice Artistica delle collezioni femminili. In una di queste si vede Niki impavida in groppa a un cammello, altre la fissano modella per Dior nel periodo Marc Bohan, suo grande amico, all’epoca alla guida delle creazioni della Maison. Bella in modo contemporaneo, più adolescente che androgina, minuta e forte, con un modo di vestire iconico e personale. Attuale nelle proporzioni e nelle impertinenze. La sua vita pare un romanzo. All’epoca dell’emancipazione della donna, Niki de Saint Phalle si impegna in un corpo a corpo con l’arte, con il mondo e con se stessa. Niki è impastata di tante emozioni come succede spesso quando si tratta di artiste donne. È nel recinto della creatività al femminile che Maria Grazia Chiuri la sente vicina.

 

Perché non ci sono state grandi artiste?”. Si interroga seguendo le riflessioni contenute nel libretto/manifesto di Linda Nochlin pubblicato nel 1971, e la stessa domanda viene posta anche da Maria Grazia Chiuri. Bisogna dare spazio alla differenza specifica delle opere, lasciando che siano esse stesse a infrangere, per evidenza, il discorso tradizionalmente tutto al maschile della storia dell’arte. Ma anche della moda. Sono allora le Nane, figure di donna fuori scala, i cuori variegati, i draghi, l’albero dell’amore e quell’opera smisurata e folle che è il Giardino dei Tarocchi in Toscana, a diventare disegno, ricamo esploso, mosaico di specchi nella collezione di Maria Grazia Chiuri e nella scenografia della sfilata. La stilista non ha paura di usare i colori di Niki de Saint Phalle più diversi, quasi stridenti, e di farli entrare in rotta di collisione con materiali come il pizzo, la seta, la pelle o la plastica.

Questa collezione Prêt-à-Porter Primavera-Estate 2018 porta il segno dell’artista ma anche di Marc Bohan e dei suoi piccoli vestiti e piccole tute, a volte abbinati ad ampie gonne che si aprono davanti. Completi pantalone con giacche e sahariane perfette, indossate a seconda dell’umore con camicie maschili a righine o a pois, oppure romanticamente bianche, impronta dello stile Bohan come la stampa con i pois giganti o il check in Black and White. Le atmosfere e le suggestioni – quelle esplicite e quelle implicite – della collezione viaggiano verso la sfrontata inquietudine degli anni sessanta, che ci raccontano, ieri come oggi, la forza cangiante degli universi femminili che abitano e muovono non solo la moda, ma la contemporaneità.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali