FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

L'ultima cura contro l'alopecia è la Rigenerazione Cellulare

I benefici vanno “oltre” a quelli del trapianto capelli, promuove risultati più duraturi e completi: il Protocollo di Medicina Rigenerativa è la cura avanzata per alopecia e calvizie.

- Da un lato il trapianto capelli, dall’altro l’utopia di fiale e gli shampoo che promettono risultati miracolosi: davanti a una chioma che si dirada e ai capelli persi il dubbio della cura giusta attanaglia chi ne soffre, uomini e donne, che vedono nella perdita dei capelli un passaggio psicologico negativo verso l'età avanzata.   

L'ultima cura contro l'alopecia è la Rigenerazione Cellulare

Guarda il video 


Ma inmezzo a  rimedi blandi e inefficicaci i nel lungo periodo da un lato o altamente invasivi e costosi dall'altro, ecco l'ultima e più promettente cura per combattere – questa volta per sempre e senza dolore – l'alopecia a qualsiasi stadio. È la medicina rigenerativa del Protocollo medico non chirurgico bSBS (Advanced Regenerative Medicine Protocol and Genomic Analysis), che usa le cellule ad alta capacità rigenerative e le staminali del paziente stesso, “risvegliandole” per ripopolare letteralmente il capo dei capelli persi, agisce su tutti follicoli ricettivi alla stimolazione, rinforzando i follicoli presenti sul capo ancora non atrofizzati, e creando loro il terreno perfetto per fiorire nuovamente, producendo naturalmente capelli sani e forti. Proprio come... prima di iniziare a perderli.

La buona notizia è che questa cura è disponibile anche in Italia: si trova per esempio nei centri affiliati a HairClinic, dove l'alopecia viene curata in modo mirato ed avanzato. L'alopecia è più comune di quanto si immagini, sia negli uomini sia nelle donne, dovuta a cause di vario genere. Scientificamente, sono le alterazioni ormonali (i responsabili sono sia il Testosterone sia la proteina Prostaglandina PGD2) le principali indiziate, ma la caduta dei capelli ha anche altre concause dovute alla psicologia del paziente, soprattutto se colpito da forti stress, o ancora all'alimentazione e allo stile di vita errato.

Come agisce il Protocollo bSBS? 

Il Protocollo bSBS si svolge in una sessione eseguita in sala operatoria anche se non è chirurgica, non è invasiva, non ci sono segni post sessione, e la ripresa della vita sociale, lavorativa e sportiva è immediata. Medici esperti eseguono analisi avanzate della situazione specifica del paziente (same genomico, lipidomico della matrice cellulare, ormonale): l'obiettivo è promuovere la rigenerazione dei follicoli indeboliti dalle cause sopra citate e la ricrescita dei capelli proprio dove sono caduti. 

Per farlo, si procede con un solo intervento ad alta densità che stimola le cellule staminali presenti e riattiva le loro funzioni vitali. Si comincia con un prelievo del sangue; da questo si selezionano ed estraggono le cellule ad alta capacità rigenerativa grazie al sistema hCRP il più sofisticato e sicuro sistema di separazione cellulare e prodotto dalla più importante azienda al mondo. Sono queste ultime, non trattate e non contaminate, a contenere i preziosi fattori di crescita utili per la ricomparsa dei capelli: le ricerche scientifiche hanno dimostrato che queste sostanze sono fino a 19 volte più forti e concentrate, per via dei fattori di crescita contenuti, rispetto alle provette utilizzate per altri tipi di interventi per la ricrescita dei capelli, come il PRP (plasma ricco in piastrine).

Nel corso della stessa seduta, dopo il prelievo arriva il momento della piccola infiltrazione sottocutanea – indolore, senza cicatrici, rapida, in una sola somministrazione – che riguarda l'intero capo, a partire dalla fronte verso tutta la nuca, con una concentrazione del 35 per cento dell'infiltrazione nelle aree in cui l'alopecia ha colpito maggiormente. Le infiltrazioni non avvengono con la classica siringa meso terapeutica ma con uno strumento brevettato collegato ad un micro ago calibrato. Situazione che permette da una parte di non rischiare di danneggiare i bulbi durante le infiltrazioni come può avvenire con una classica siringa, dall’altra di essere completamente indolore.

Il paziente torna a casa senza segni, non vi è degenza né una fase di ripresa più o meno lunga, e può ricominciare subito le sue attività. Proprio per questo il protocollo di medicina rigenerativa è consigliato anche in gravidanza, a ogni età, anche se si è sotto cura con medicinali di qualsiasi genere.

Completa il protocollo la fase di controllo e a richiesta una serie di azioni volte a rinforzare e aiutare il lavoro delle cellule staminali e dei bulbi piliferi stimolati con l'infiltrazione, dalla Nutraceutica alla Nutrigenomica a seguito degli esami eseguiti. I risultati sono significativi e imparagonabili rispetto ad altre soluzioni conosciute.

Parlando di autotrapianto capelli, il protocollo bSBS evita al massimo delle possibilità offerte dalla scienza il cosiddetto effetto “shock loss”, un indebolimento e una miniaturizzazione dei capelli più deboli dovuta allo shock del trapianto stesso, e promuove un risultato completo, duraturo e dall’alto valore estetico.

Per informazioni.

HairClinic.it

Canale video vimeo: http://vimeo.com/hairclinic

 

 



"NOTA SUL COPYRIGHT. L'elaborazione ipertestuale è protetta dal diritto d'autore. Sarà perseguita ogni riproduzione o condivisione su siti o altro mezzo di comunicazione non autorizzato."