FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Scoperto un nuovo batterio resistente agli antibiotici: è la variante di un ceppo di Klebsiella

Il microrganismo inattiverebbe la colistina, usata per curare alcune importanti infezioni. Il meccanismo di resistenza è stato scoperto nei laboratori dellʼospedale fiorentino di Careggi

Scoperto un nuovo batterio resistente agli antibiotici: è la variante di un ceppo di Klebsiella

E' di nuovo allarme tra gli esperti per la scoperta di un nuovo ceppo di batterio resistente alla colistina, un antibiotico 'salvavita' utilizzato in occasione di determinate infezioni, tra cui quelle polmonari. Il meccanismo di resistenza è stato identificato presso il laboratorio di microbiologia clinica dell'ospedale fiorentino di Careggi. Ceppi di Escherichia Coli, batterio portatore di questo determinante di resistenza, sono stati trovati anche in Italia.

E' lo stesso direttore dell'azienda ospedaliera di Careggi, Gian Maria Rossolini, a spiegare quanto scoperto: "Presso il nostro laboratorio è stata recentemente identificata una nuova variante del gene mcr-1, denominata mcr-2, in un ceppo di Klebsiella pneumoniae - che può provocare polmonite batterica - resistente alla colistina, produttore della carbapenemasi KPC". La carbapenemasi è un enzima in grado di inattivare gli antibiotici della classe dei carbapenemi.

Secondo quanto spiegato da Pierangelo Clerici, il presidente dell'Associazione microbiologi clinici italiani (Amcli), "i risultati cui sono pervenuti i colleghi del laboratorio di Firenze confermano che il fenomeno della farmaco-resistenza batterica negli ospedali avanza inesorabilmente e che tutte le azioni devono essere messe in atto per cercare di contrastarlo".

Inoltre, spiega l'Amcli, "il reperto è particolarmente allarmante perché il clone di Klebsiella pneumoniae, produttore di carbapenemasi KPC è uno dei maggiori responsabili della diffusione di Klebsiella pneumoniae resistente ai carbapenemi in Italia".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali