FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Mario Giordano

Mario Giordano

Nato ad Alessandria nel 1966, Mario Giordano è laureato in scienze politiche. Sposato e con quattro figli, la sua carriera di giornalista inizia al NOSTRO TEMPO, settimanale diocesano di Torino, per poi passare nel 1994 all’INFORMAZIONE e nel ’96 a IL GIORNALE con Vittorio Feltri. Si distingue per le sue inchieste sui dissesti della burocrazia e dell’amministrazione, pubblicando inoltre libri di successo: “SILENZIO, SI RUBA “ (1997), “CHI COMANDA DAVVERO IN ITALIA” (1998), “WATERLOO, IL DISASTRO ITALIANO” (1999), “L’UNIONE FA LA TRUFFA” (2001), “ATTENTI AI BUONI” (2003), “SIAMO FRITTI” (2005), SENTI CHI PARLA” (2007) “5 IN CONDOTTA” (2009), “SANGUISUGHE” (2011), “SPUDORATI” (2012), “TUTTI A CASA!” (2013), “NON VALE UNA LIRA” (2014), “PESCECANI” (2015), “PROFUGOPOLI” (2016), “VAMPIRI” (2017) .
Il debutto in tv arriva nel 1997 con la trasmissione “PINOCCHIO”, condotta da Gad Lerner dove veste i panni del “Grillo parlante”. Dopo aver condotto su Raitre “DALLE VENTI ALLE VENTI” è tornato a lavorare con Gad Lerner per la seconda edizione di “PINOCCHIO” in cui vestiva i panni del ciclista rompiscatole, il giornalista armato di bicicletta che presenta cifre e scandali sui temi caldi di attualità.
Ha inoltre collaborato con AVVENIRE, REPUBBLICA, EPOCA.
Dopo una breve parentesi al Tg1 di Lerner, era tornato a IL GIORNALE.
Dal 23 novembre 2000 Mario Giordano ha assunto la carica di direttore di “Studio Aperto”, il tg di Italia 1. Sotto la sua direzione sono nati programmi come “Lucignolo” (febbraio 2003), “L’Alieno” (novembre 2003) che ha segnato il suo ritorno in video nel ruolo di conduttore, e “Live” (ottobre 2005).
Nell’ottobre 2007 Giordano lascia Mediaset per assumere la carica di direttore de Il Giornale, ruolo che svolge fino al 24 agosto 2009 quando torna a Mediaset con l’incarico di Direttore Nuove Iniziative News.
Dal 1 settembre 2009 viene nominato nuovamente direttore di Studio Aperto, per poi assumere dal 1 ottobre dello stesso anno la carica di direttore di News Mediaset, l’agenzia giornalistica del Gruppo.
Da novembre 2011 Mario Giordano diventa direttore di TgCom24, il nuovo sistema all news di Mediaset che trasmette in chiaro sul canale 51 del digitale terrestre, sul satellite al canale 24, visibile online in diretta streaming sul il sito TgCom24.it, su smartphone e tablet grazie alle applicazioni scaricabili gratuitamente.
Il 10 giugno 2013 lascia al direzione di TgCom24 per quella di Videonews.
Dal 27 gennaio 2014 è il nuovo direttore del Tg4 e del programma di approfondimento “Dalla Vostra Parte”. Collabora come editorialista a “La Verità”.

Nato ad Alessandria nel 1966, Mario Giordano è laureato in scienze politiche. Sposato e con quattro figli, la sua carriera di giornalista inizia al NOSTRO TEMPO, settimanale diocesano di Torino, per poi passare nel 1994 all’INFORMAZIONE e nel ’96 a IL GIORNALE con Vittorio Feltri. Si distingue per le sue inchieste sui dissesti della burocrazia e dell’amministrazione, pubblicando inoltre libri di successo: “SILENZIO, SI RUBA “ (1997), “CHI COMANDA DAVVERO IN ITALIA” (1998), “WATERLOO, IL DISASTRO ITALIANO” (1999), “L’UNIONE FA LA TRUFFA” (2001), “ATTENTI AI BUONI” (2003), “SIAMO FRITTI” (2005), SENTI CHI PARLA” (2007) “5 IN CONDOTTA” (2009), “SANGUISUGHE” (2011), “SPUDORATI” (2012), “TUTTI A CASA!” (2013), “NON VALE UNA LIRA” (2014), “PESCECANI” (2015), “PROFUGOPOLI” (2016), “VAMPIRI” (2017) .
Il debutto in tv arriva nel 1997 con la trasmissione “PINOCCHIO”, condotta da Gad Lerner dove veste i panni del “Grillo parlante”. Dopo aver condotto su Raitre “DALLE VENTI ALLE VENTI” è tornato a lavorare con Gad Lerner per la seconda edizione di “PINOCCHIO” in cui vestiva i panni del ciclista rompiscatole, il giornalista armato di bicicletta che presenta cifre e scandali sui temi caldi di attualità.
Ha inoltre collaborato con AVVENIRE, REPUBBLICA, EPOCA.
Dopo una breve parentesi al Tg1 di Lerner, era tornato a IL GIORNALE.
Dal 23 novembre 2000 Mario Giordano ha assunto la carica di direttore di “Studio Aperto”, il tg di Italia 1. Sotto la sua direzione sono nati programmi come “Lucignolo” (febbraio 2003), “L’Alieno” (novembre 2003) che ha segnato il suo ritorno in video nel ruolo di conduttore, e “Live” (ottobre 2005).
Nell’ottobre 2007 Giordano lascia Mediaset per assumere la carica di direttore de Il Giornale, ruolo che svolge fino al 24 agosto 2009 quando torna a Mediaset con l’incarico di Direttore Nuove Iniziative News.
Dal 1 settembre 2009 viene nominato nuovamente direttore di Studio Aperto, per poi assumere dal 1 ottobre dello stesso anno la carica di direttore di News Mediaset, l’agenzia giornalistica del Gruppo.
Da novembre 2011 Mario Giordano diventa direttore di TgCom24, il nuovo sistema all news di Mediaset che trasmette in chiaro sul canale 51 del digitale terrestre, sul satellite al canale 24, visibile online in diretta streaming sul il sito TgCom24.it, su smartphone e tablet grazie alle applicazioni scaricabili gratuitamente.
Il 10 giugno 2013 lascia al direzione di TgCom24 per quella di Videonews.
Dal 27 gennaio 2014 è il nuovo direttore del Tg4 e del programma di approfondimento “Dalla Vostra Parte”. Collabora come editorialista a “La Verità”.