FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Unioni civili superano il primo test, Su libertà coscienza scontro nel Pd

Bocciata da Palazzo Madama la richiesta della Lega del non passaggio allʼesame del testo. Si va verso pochi voti segreti

Unioni civili superano il primo test, Su libertà coscienza scontro nel Pd

Le unioni civili superano a maggioranza schiacciante il primo scoglio in Aula, quello della richiesta del non passaggio all'esame del testo. Richiesta che Palazzo Madama respinge, a voto palese, con il "no" di 195 senatori, e forte di un asse inedito formato da Pd, M5S, Sel e Ala. Numeri che, tuttavia, non inducono i dem di Matteo Renzi ad accelerare sull'approvazione della legge. Nel Pd intanto si produce un nuovo strappo sulla libertà di coscienza.

La bocciatura dello "stop" promosso dalla Lega - Allo scontro interno al Pd tra l'ala laica e i Cattodem fa però da contraltare il voto contrario dell'Aula alla richiesta di non passaggio all'esame degli articoli (in sostanza uno stop dell'iter) avanzata dal leghista Roberto Calderoli e respinta con 195 voti contrari, 101 favorevoli e un solo astenuto.

L'inedito asse Pd, M5s, Ali e Sel - Compatto, nonostante le tensioni, il voto del partito democratico mentre si delinea una maggioranza inedita formata dal M5s, dai verdiniani (con il solo Giuseppe Ruvolo in dissenso) e da Sel. Sulla sponda opposta, compatto anche il voto favorevole al non esame di Ap (con i voti in dissenso di Bonaiuti e Margiotta e tre non votanti) mentre in Fi sono 4 le assenze "non giustificate" e uno, quello di Anna Maria Bernini, il voto in dissenso.

Il No di Grasso al voto segreto e le polemiche - Sul primo test, inoltre, si registra un'ulteriore novità: il "niet" di Pietro Grasso alla richiesta di scrutinio segreto. Una decisione che il presidente del Senato motiva spiegando, di fatto, che il ddl fa riferimento all'art. 2 della Costituzione e non intacca, quindi, i diritti sul matrimonio e la famiglia disciplinati dagli articoli 29, 30 e 31 della Carta. Quella che Grasso fornisce è insomma una prima linea sull'ammissibilità dei voti segreti: i voti ci saranno ma, stando alla spiegazione del presidente del Senato, difficilmente potranno essere numerosi. E, non a caso, la decisione di Grasso innesca in Aula l'ira di Calderoli, Quagliariello e Giovanardi che parlano di "scelta politica" e non conforme al suo ruolo di "arbitro".

La libertà di coscienza spacca il Pd - Sul fronte Pd, a scatenare l'ira dei Cattodem è la proposta di Luigi Zanda di limitare i voti di coscienza a 3 emendamenti: quello pro-affido di Stefano Lepri, quello sulla piena adozione gay di Cecilia Guerra e quello all'art.22 di Donella Mattesini. Una scelta che Zanda sottolinea essere modificabile ma che, raccontano, già in un ufficio di presidenza fa andare su tutte le furie Lepri, portando al rischio, poi rientrato, di una clamorosa diserzione dei Cattodem alla riunione. Riunione nella quale, poi, Lepri chiede apertamente che i voti secondo coscienza siano nove.

Alla fine l'assemblea non delibera ma si limita a prendere atto della proposta Zanda, con la possibilità che alla fine si ammetta il voto di coscienza su altri due emendamenti Cattodem, quello a prima firma Collina all'art.3 sui diritti e doveri delle unioni civili e quello Dalla Zuanna sull'estensione del reato di maternità surrogata.

Martedì il voto in Aula, la carta del "canguro" - Martedì, con l'inizio delle votazioni, sul quale Andrea Orlando conferma che il governo si rimetterà all'Aula, le carte saranno finalmente scoperte e la prima ad essere messa sul tavolo, dopo il nulla di fatto del patto Pd-Lega sul taglio agli emendamenti, potrebbe essere quella del "canguro" a prima firma Marcucci, che affonda diversi emendamenti del centrodestra, nonché quello sull'affido dei Cattodem "salvando" l'impianto del ddl.

E' un'arma che, al momento, il Pd si riserva di usare nel caso in cui frani ogni altro tentativo di trattativa. Un'ultima carta che ha però l'effetto collaterale di scatenare la trincea di Ap, al momento contraria anche a qualsiasi soluzione di mediazione sulla stepchild adoption. E, non a caso, i centristi Sacconi e D'Ascola in serata avvertono come le chiusure del Pd aprano "un solco nel rapporto tra i due partiti" di governo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali