FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Unioni civili, Renzi a Bagnasco: "Sul voto segreto non decide la Cei"

"Io sarei per voto palese ma è solo Grasso a decidere", dice il premier

Unioni civili, Renzi a Bagnasco: "Sul voto segreto non decide la Cei"

"Il voto segreto lo decide il Parlamento, non la Cei". Matteo Renzi replica così al presidente della Conferenza episcopale italiana, il cardinale Angelo Bagnasco, che giovedì aveva auspicato lo scrutinio segreto per le votazioni sul ddl sulle unioni civili. "Mi piace l'idea che un parlamentare risponda del proprio voto - prosegue il premier -. Ma il Parlamento prevede anche il voto segreto: deciderà Grasso e non la Cei se vi saranno le condizioni".

"E' una legge sacrosanta e finalmente ci siamo. Che paura possono fare due persone che si amano, perché lo Stato deve impedire loro di avere dei diritti? Trovo che il Paese e il Parlamento su questo siano nettamente a favore", aggiunge Renzi a Radio Anch'io, difendendo così il ddl sulle unioni civili ma ribadendo di essere "molto contrario all'utero in affitto".

Quanto al nodo della stepchild adoption, Renzi chiarisce: "In realtà esiste già in forme stabilite in via giudiziaria, è un punto delicato e aperto ma mi pare fondamentale che in queste ultime ore prima del voto si rispettino le opinioni altrui, si faccia una discussione seria e poi il Parlamento decida".

E anche il presidente del Senato Pietro Grasso replica a Bagnasco: "Ognuno esprima le proprie opnioni ma sulle procedure penso ci sia la prerogativa delle istituzioni repubblicane". Dello stesso parere la sua vice Valeria Fedeli. "Non mi interessa usare le dichiarazioni di Bagnasco per fare polemica. Se ne sentono tante, e durante il dibattito sulle unioni civili anche di più. Ma dopo aver letto le parole del presidente della Cei continuo a pensare che il Senato decide come lavorare. Nessun altro".

"Il Parlamento ha una funzione diversa da quella della Chiesa e deve esercitarla fino in fondo", sottolinea a Repubblica commentando le parole del cardinal Bagnasco. "Sono sempre molto attenta alle opinioni altrui. Leggo, ascolto, rifletto, anche sulle parole di esponenti della Cei. Ma la chiarezza e il rispetto devono essere reciproci", sottolinea la Fedeli.

"Le ripercussioni che le parole del Cardinal Bagnasco hanno sulla stampa da un lato sorprendono per una certa qual virulenza, ma dall'altra fanno davvero piacere. Il pensiero, il giudizio che la massima autorità della Chiesa italiana dà di certi fatti conta e come. Non a caso preoccupano e spaventano alcuni dei più forti sostenitori della line a dura della legge Cirinnà". Questo il commento di Paola Binetti, esponente di Area popolare (Ncd- Udc).

"Il semplice appello alla libertà delle coscienze - spiega - è uno degli strumenti che in questo momento sembra garantirla: il voto segreto, ha fatto saltare loro i nervi, eppure si tratta di un principio riconosciuto dalla nostra Costituzione e ben tutelato anche dai regolamenti parlamentari. La libertà di coscienza su temi fondamentali per la vita della società e delle persone va non solo rispettata, ma anche promossa con votazione a scrutinio segreto".

Galantino: "Non parlo, rispetto il Parlamento" - Sulle affermazioni di Bagnasco ha detto la sua anche il segretario della Cei, monsignor Nunzio Galantino. "Vale quello che ho detto l'altro giorno, per rispetto del Parlamento e delle istituzioni preferisco non parlare", ha detto il porporato, tentando di liquidare le polemiche.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali