FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Unioni civili, "crisi isteriche gay e checche varie": bufera su Roberto Formigoni

Il tweet dellʼex governatore lombardo e attuale senatore di Ncd non passa inosservato. Valanga di repliche sui social network. - Ddl Cirinnà, la base del Movimento 5 Stelle in rivolta contro Grillo: #iovotosì - Il leader di M5S lascia "libertà di coscienza", Alfano: "Legge può saltare"

Unioni civili, "crisi isteriche gay e checche varie": bufera su Roberto Formigoni

"L'odore della sconfitta sul ddl Cirinnà sta procurando crisi isteriche gravi su gay, lesbiche, bi-transessuali e checche varie. Non è bello, poverini". E' quanto ha scritto su Twitter Roberto Formigoni scatenando reazioni a catena. Il post dell'ex governatore lombardo e senatore di Ncd, che faceva riferimento al mezzo dietrofront di M5S sulle unioni civili e sulla stepchild adoption, non è passato inosservato e sono tantissime le repliche.

Unioni civili, "crisi isteriche gay e checche varie": bufera su Roberto Formigoni

"Isterico è questo tuo tweet", scrive Ivan Scalfarotto (Pd). "Ci mancava aggiungesse pervertiti e pedofili, @r_formigoni volgare individuo", si legge in un altro post. Dello stesso tenore il commento del vicesegretario dem Lorenzo Guerini: "Tweet indecente, da vergognarsi. Punto". Mentre alcuni utenti rispolverano le fotografie di Formigoni con le sue originali giacche e camicie. Infine, molti utenti si affidano a ironia e sarcasmo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali