FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Unioni civili, Boldrini: "Stepchild adoption, normale che sia un diritto"

La presidente della Camera si schiera a favore dellʼadozione del figlio del partner e aggiunge: "Sarebbe grave il contrario. Eʼ un dovere"

Unioni civili, Boldrini: "Stepchild adoption, normale che sia un diritto"

Nella polemica sulle unioni civili interviene Laura Boldrini per schierarsi a favore della stepchild adoption. "Quando il partner muore e il figlio resta solo, il partner ha il dovere di occuparsi di lui - dice la presidente della Camera -. E' quasi naturale che questo dovere si traduca in un diritto. Se è un dovere naturale perché non deve essere un diritto?". "Sarebbe grave il contrario - aggiunge -: se il partner si disinteressasse di questo figlio".

"Sarebbe preoccupante - continua - se qualcuno abbandonasse il figlio del partner al proprio destino". E ancora, sulle manifestazioni di sabato a favore delle unioni civili, continua: "Ora c'è ancora più responsabilità sui parlamentari per riuscire a fare un percorso che porti a una legge che non deluda le aspettative". E osserva: "Sabato le piazze ci hanno detto quello che sapevamo. E cioè che il Paese aspetta una legge sulle unioni civili anche perché l'Italia è l'ultima in Ue a non averla ancora. Abbiamo aspettato tanto. Mi auguro che ora il risultato sia all'altezza delle aspettative".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali