FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Sicilia, dopo la debacle è caos nel Pd: la leadership di Matteo Renzi vacilla

Mentre cʼè chi punta su Gentiloni per saldare il centrosinistra, spunta anche la carta Minniti. Pisapia vede Grasso. Il segretario Pd pensa a una coalizione che vada alle urne senza indicare il candidato premier

All'indomani del voto in Sicilia è caos all'interno del Pd. La leadership di Matteo Renzi è messa in discussione da più parti, ma nessuno sembra farsi avanti direttamente. "Dopo questa sconfitta è impossibile fare finta di nulla. Dobbiamo allargare il centrosinistra", dice ai suoi Andrea Orlando. Una figura capace di unire la coalizione potrebbe essere quella del premier Paolo Gentiloni, ma spunta anche la carta del ministro dell'Interno Marco Minniti.

A segnare il cambio di fase è l'incontro di lunedì a Palazzo Giustiniani tra il presidente del Senato Pietro Grasso e Giuliano Pisapia, che ha espresso la sua solidarietà alla seconda carica dello Stato per le bordate dei luogotenenti renziani. Ma, come riporta Il Corriere della Sera, non è stato solo un incontro di cortesia. Il faccia a faccia tra l'ex sindaco di Milano e il leader in pectore del movimento - che metterà insieme Mdp, Sinistra Italiana e Possibile di Pippo Civati - apre uno scenario nuovo a sinistra del Pd.

E mentre la sinistra si organizza, la mossa del segretario Pd è quella di aprire il confronto con possibili alleati per creare una coalizione che si presenti alle urne senza indicare il candidato premier. "Ognuno corra con il suo candidato e poi si vede. La leadership si giocherà sul campo elettorale. Chi non ci sta si assumerà la responsabilità della rottura davanti agli elettori", è il ragionamento di Renzi.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali