FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Referendum, stravince il No ma non allʼestero; il Sì passa nel paese di Renzi ma non dalla Boschi

Nella penisola il No ha vinto ovunque, da Nord a Sud, con lʼeccezione di due regioni - Toscana ed Emilia-Romagna - e nella provincia autonoma di Bolzano

Referendum, stravince il No ma non all'estero; il Sì passa nel paese di Renzi ma non dalla Boschi

Nella penisola il No ha vinto ovunque, da Nord a Sud, con l'eccezione di due regioni (Toscana ed Emilia-Romagna) e una provincia autonoma (Bolzano). Soprattutto al Sud e nelle isole, il divario tra i pro e i contro la riforma costituzionale è stato netto; per fare qualche esempio, il no ha vinto con il 70,6% a Caltanissetta, il 71% a Nuoro, il 72,2% a Palermo e Siracusa, il 73% a Cagliari e Oristano, addirittura con il 74% a Catania.

In Calabria, Puglia e Basilicata si attestano mediamente sul 70% mentre Napoli ha premiato il No con 68,3%. Per quanto riguarda il Sì, i fan della riforma costituzionale si sono tolti qualche soddisfazione, come detto, solo in Toscana ed Emilia-Romagna, nonché in provincia di Bolzano.

Da segnalare anche la vittoria del Sì a Milano con il 51,1% dei voti (a livello provinciale però il No si è imposto con il 52,62%). A Firenze, i Sì sono stati il 56,3% (e si è imposto anche nei comuni di Siena con il 55,5%, Arezzo 50,8%, Prato 55,3 %, Pistoia 52,9 %). Sì in testa anche a Bologna con il 52,2% (vince pure a Reggio 51,8%, Modena 55,8%, Ravenna 50,9% e Forlì 53,6%), mentre nella provincia di Bolzano ha ottenuto il 63,9% (ma non in città, dove ha preso il 49,9%). Per quanto riguarda le altre grandi città, a Roma il No si è imposto con il 59,4%, a Torino con il 53,6%, a Genova con il 59%. Nel Nord-Est, in media, il No ha toccato e superato spesso la soglia del 60%. Per quanto riguarda le principali città dell'area, il No ha vinto a Padova 52,9 %, Verona 54,3 %, Venezia 59,1 %, Vicenza 56,5%.

Il No vince anche nel paese della Boschi - Le città di cui sono originari i membri toscani del governo di Matteo Renzi hanno sostenuto i propri concittadini con il loro sì, tranne a Laterina (Arezzo) dove vive proprio il ministro delle riforme Maria Elena Boschi e dove, secondo i dati del sito del ministero dell'Interno, ha prevalso il no che ha ottenuto il 50,5%. Pontassieve (Firenze), dove risiede il premier, ha fatto registrare il Sì al 62,8% e nella vicina Rignano sull'Arno, paese del quale Renzi e' originario, il Sì è arrivato al 58,4%.

Il Sì ha vinto all'estero - Nei 61.551 seggi italiani, il No ha ottenuto 19.025.254 voti (pari al 59,95%), il Sì 12.709.536 voti (pari al 40,05%). I votanti in Italia sono stati 31.997.916 (pari al 68,48% degli aventi diritto). Le schede bianche sono state 74.120. Le schede nulle 187.778. Le schede contestate e non assegnate 1.228. Scenario contrario all'estero dove è il Sì a farla da padrone assoluto, con il 64,7% delle preferenze (contro il 35,3% del No). Complessivamente, nelle quattro ripartizioni (Europa, America settentrionale e centrale, America meridionale e Africa Asia Oceania Antartide) gli elettori erano 4.052.341. Va detto che al contrario che in Italia, la partecipazione al voto ha fatto registrare livelli decisamente più bassi: si è infatti espresso poco più del 30% dell'elettorato contro il 68,48% dell'Italia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali