FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Crollo di Genova, Toninelli: "Distorta la foto col plastico" ma... inciampa su Instagram con le "concessioni"

Il ministro delle Infrastutture, mentre tenta di spegnere la bufera sulle foto con Vespa, con un post (poi rimosso) getta benzina sul fuoco

"Ho sofferto e soffro ogni giorno per Genova e per i genovesi. Dal 14 agosto lavoro incessantemente per ridare dignità ad entrambi. Chi usa una innocua fotografia con il plastico di Vespa per cercare di far credere il contrario, è solo un burattino al soldo di chi finanzia certa stampa". Con questo post su Facebook il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli cercava di rimediare alle polemiche per le immagini "sorridenti" davanti alla riproduzione del ponte Morandi. Poche ore dopo, altra benzina sul fuoco, però: il ministro pubblica su Instagram una foto dal barbiere, ironizzando sulla revoca della "concessione". Piovono nuovi attacchi e la correzione del post non basta. "Prima in tv, poi sui social. Che vergogna un ministro così. Parole, battute e propaganda, mentre Genova aspetta decisioni chiare e in fretta", twitta il segretario Pd Maurizio Martina.

Crollo di Genova, Toninelli tra il plastico del ponte e le "concessioni" revocate

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali