FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Salvini: Gentiloni non rappresenta più nessuno. Berlusconi: ora governare il Paese

Prove di coalizione in vista delle prossime elezioni politiche tra il leader di Forza Italia e quello del Carroccio

Il giorno dopo i ballottaggi che hanno sancito una vittoria dell'asse Forza Italia - Lega Nord - Fratelli d'Italia, il segretario del Carroccio chiede senza mezzi termini che sia posta fine al governo Gentiloni. "Non rappresenta più nessuno - ha detto infatti Matteo Salvini -: rassegni le dimissioni". "Se dopo decenni ci chiedono di governare Genova, Pistoia o Sesto San Giovanni, vuol dire che possiamo governare anche il Paese", ha quindi aggiunto.

Ballottaggi: sui social lʼesultanza dei leader del centrodestra

"Serve legge elettorale maggioritaria" - "Invitiamo il Pd a portare la legge elettorale subito al Senato, con tre righe che premino le coalizioni, penso che si possa portare a casa in una settimana", ha spiegato Salvini, che in conferenza stampa ha invitato il centrodestra a sostenere una legge "maggioritaria" perché sarebbe sbagliato a suo avviso "sostenere il proporzionale" dopo l'esito dei ballottaggi. "Prima si vota per le Politiche - ha concluso - e meglio è".

"Ragionerò con Berlusconi" - Con Berlusconi "ci vedremo, ci sentiremo, ragioneremo", ma "la leadership è l'ultima delle mie preoccupazioni". "Le primarie? Le ho proposte diciotto volte non solo sul leader ma anche sul programma - ha sottolineato Salvini -. Mi è stato detto di no diciotto volte, e non mi incaponisco su questo. La priorità è fare una legge elettorale di cinque righe a andare a votare subito".

Berlusconi: ora coalizione liberale-moderata per governare il Paese - "Da questi risultati il centrodestra può partire in vista della sfida decisiva per tornare a guidare il Paese, sulla base di un programma condiviso, che in larga parte già abbiamo". Lo afferma Silvio Berlusconi commentando l'esito delle comunali. Il leader di Fi auspica "una coalizione fra forze politiche diverse, caratterizzata da un chiaro profilo liberale, moderato, basato su radici cristiane".

Maroni: Berlusconi non guardi a Renzi ma al maggioritario - Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, "dovrebbe convincersi a lasciare perdere le strizzatine d'occhio con Renzi e concentrarsi invece sul rafforzamento dell'alleanza: un'intesa sulla legge elettorale maggioritaria va in questa direzione". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, conversando coi giornalisti nella sede della Lega Nord di via Bellerio.

Meloni: Berlusconi è leader Fi, nel centrodestra ognuno ha il suo - "Berlusconi leader del centrodestra? Berlusconi è il leader di Fi, ognuno ha il suo leader nella coalizione di centrodestra: se smettiamo di parlare di leader e cominciamo a parlare di come si mette in piedi il porta bandiera rendiamo la cosa più semplice". Lo ha detto Giorgia Meloni, leader di Fdi. "Il modello Toti - ha aggiunto - è un modello a cui dobbiamo guardare, il modello del gioco di squadra. Giovanni ha la capacità anche nel rapporto con gli alleati, con Lega e Fi, di fare squadra. Oggi la Liguria si sta trasformando in un monocolore. Quindi il modello non più dell'uomo solo al comando e del gioco di squadra puo' fare la differenza".

Toti: Pd tragga conseguenze, prima si vota meglio è - "Non ho idea di quando si andrà al voto. Al momento non sembra che il Pd voglia questo, ma deve trarre le sue conseguenze dopo l'esito delle amministrative. Per quanto mi riguarda, prima si vota meglio è". Lo ha detto il presidente della Liguria, Giovanni Toti, a Tgcom24, commentando i risultati dei ballottaggi. A proposito della legge elettorale, ha aggiunto: "Vorrei una legge attraverso cui gli elettori scelgano i propri rappresentanti, i propri parlamentari. I partiti devono poter presentarsi prima del voto con obiettivi e una squadra seri. Non dobbiamo disperdere il lavoro fatto fino a qui". "Non so se Renzi si sia allontanato da questa campagna elettorale per paura di danneggiare ancor più il suo partito. Di certo c'è molta confusione nel centrosinistra", ha concluso.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali