FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Sindaco di Torino, la Lega Nord rompe con FI: no a Osvaldo Napoli

"Non è un candidato valido. Se Berlusconi non vuole politici, ma professionisti, la persona giusta è il notaio Alberto Morano".

Sindaco di Torino, la Lega Nord rompe con FI: no a Osvaldo Napoli

Il leader della Lega, Matteo Salvini, "scarica" il candidato sindaco di Torino di Forza Italia, Osvaldo Napoli. "Non è un candidato valido, si è perso troppo tempo. Se Berlusconi non vuole politici, ma imprenditori e professionisti, la persona giusta è il notaio Alberto Morano. Non imponiamo nulla a nessuno, ma non vedo alternative", ha spiegato. Anche a Roma il centrodestra si è diviso tra Guido Bertolaso, sponsorizzato da FI, e Giorgia Meloni.

Salvini ha incontrato Morano nel pomeriggio a Torino. "E' un' ottima persona, concreta - aggiunge il leader della Lega Nord a margine della assemblea nazionale 'Goia Ugl commercio ambulante che si sta svolgendo a Venaria Reale (Torino) -. Conosce molto bene i problemi di bilancio e le beghe di questa città. Morano mi e' piaciuto: non vedo l'ora che inizi una campagna elettorale che possa riportare il centrodestra a Torino".

Torinese di nascita, Morano, 58 anni, ha svolto la pratica notarile presso lo studio del Notaio Marocco di Torino. Dal 1987 al 1990 ha lavorato presso Citibank MA, Filiale di Milano, quale consulente legale nell'area del corporate finance. Iscritto al ruolo dei Notai dei Distretti Riuniti di Torino e Pinerolo da 26 anni, nei mesi scorsi Morano ha avanzato la propria disponibilità a candidarsi sindaco del capoluogo piemontese per il centrodestra.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali