FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Sgombero di Roma, Raggi: "Lavoro per i cittadini, sui migranti sbaglia governo"

La prima cittadina della Capitale difende il lavoro della sua amministrazione e critica il governo e la politica migratoria basata sulle quote

Sgombero di Roma, Raggi: "Lavoro per i cittadini, sui migranti sbaglia governo"

La prima cittadina di Roma, Virginia Raggi, torna a parlare dello sgombero dello stabile occupato in via Curtatone, difendendo il lavoro della sua amministrazione e criticando il governo e la politica migratoria basata sulle quote. "Un sindaco deve occuparsi dei suoi cittadini. Sull'accoglienza gli amministratori hanno compiti precisi, ma la politica migratoria è tema governativo. Io chiedo di rivederla, coinvolgendo di più i sindaci".

"L'Anci dovrebbe farsi sentire di più e ascoltare di più i suoi membri", aggiunge quindi in una lunga intervista a "La Stampa", sottolineando come proprio i sindaci possano "dare suggerimenti operativi, in quando impegnati ogni giorno in prima linea".

"Roma ha un carico di decine di migliaia di persone che non sono censite ufficialmente - spiega l'esponente M5s -. Io non ragiono per quote, ma considero che ho di fronte a me esseri umani in carne e ossa. Roma accoglie i cosiddetti migranti fantasma: sono persone che sono registrate in altre parti di Italia, ma che in realtà vivono nella Capitale".

La sindaca ribadisce che il comune ha fatto la sua parte prendendo in carico 107 persone: "Lo sgombero è stato disposto alle 12 del giorno prima: subito abbiamo messo in azione la nostra Sala Operativa Sociale". Sulle critiche per la presenza di 37 bambini, Raggi ricorda che "era difficile entrare nel palazzo anche per le forze dell'ordine che hanno generosamente effettuato un censimento in condizioni difficili. In questo censimento mancavano i minori". "Ma non credo debba divenire un motivo di polemica tra le istituzioni. Pensiamo a trovare soluzioni", conclude.

A proposito della gestione dell'ordine pubblico in relazione al blitz di piazza Indipendenza, Raggi spiega che "quel palazzo è occupato dal 2013 e ci sono inchieste che hanno rilevato traffici sospetti. Abbiamo più volte sottolineato che non ci veniva permesso di entrare. Su migranti e accoglienza abbiamo già visto che si concentrano spesso le attenzioni della malavita. È un capitolo importante di Mafia Capitale. Noi non ci lasciamo intimorire da chi usa i più deboli per i propri affari illeciti".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali