FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Renzi: "Eʼ innegabile, con il nostro governo le tasse sono scese"

Il premier nella sua e-news: "Cambio di marcia rispetto al passato, dopo due anni capelli bianchi ma stesso entusiasmo del primo giorno". Grillo: "Eʼ 24 mesi che racconta balle"

Renzi: "E' innegabile, con il nostro governo le tasse sono scese"

Per Matteo Renzi "è impossibile accontentare tutti, ciascuno ha la sua personale classifica" delle tasse "che andavano tagliate e quelle che invece andavano mantenute. Però ora le tasse vanno giù, prima andavano su". "Lunedì prossimo festeggiamo i primi due anni del governo", ha quindi aggiunto il premier, spiegando che c'è ancora "molto da fare: avanti tutta, con qualche capello bianco, ma con lo stesso entusiasmo del primo giorno".

Nella sua newsletter, Renzi ha si è detto certo "che l'Italia possa vincere tutte le sfide, anche quelle più difficili. Devono volerlo gli italiani, però. Credendoci. Per questo nei miei viaggi nei piccoli comuni, come nei grandi Paesi mi sforzo di incitare tutti a darci una mano. Questa gigantesca rivoluzione che stiamo facendo possiamo farla solo insieme".

In occasione dell'anniversario del governo, il presidente del Consiglio ha comunicato che incontrerà "la stampa estera per dimostrare numeri alla mano come l'Italia sia tornata e abbia voglia di farsi sentire sempre di più". E ancora: "Sarà una settimana all'insegna del Jobs Act perché visiteremo anche tre aziende (una al Nord, una al Centro, una al Sud) che hanno fatto assunzioni a tempo indeterminato grazie alla riforma".

Banda ultralarga - "Presenteremo anche il via libera ufficiale ai lavori della Banda Larga che hanno finalmente ottenuto l'ok della Conferenza Stato-Regioni", ha aggiunto il premier.

"Riforme nate dal popolo" - "Ricorre la parola 'orgoglio' quando si parla di riforma elettorale e costituzionale: segno evidente che queste sono riforme nate da un popolo, non solo dal legislatore. E del resto chi si ricorda le discussioni delle prime Leopolde sa a cosa mi riferisco".

Grillo: 24 mesi di balle e propaganda - "Il Bomba sta spammando gli italiani con una mail di propaganda tutta da ridere", e "mentre è chiaro a tutti che stiamo per precipitare dentro un'altra crisi economica peggiore di quella del 2008 l'ebetino continua a sparare balle, a millantare successi, a dire il contrario della verità". Così Beppe Grillo sul suo blog dove ripropone la mail del premier "con alcune precisazioni" che mette tra parentesi rispetto al testo del governo. E il leader M5s lancia anche l'hashtag #VentiquattroMesiDiBalle.

"Ventiquattro mesi racchiusi in questo video (guardatelo: è una delle cose più brutte degli ultimi anni), che restituisce il sapore del viaggio (e della presa per il culo). C'è ancora molto da fare e lo faremo (è una minaccia: ora tocca alle pensioni di reversibilità). Intanto grazie per la vostra fiducia (quale? nessuno ti ha votato), per il vostro affetto, per le vostre critiche (tranne ai giornalisti Rai, loro devono allinearsi alla propaganda di regime della Rai fascista altrimenti vengono bastonati e poi cacciati). E se vi va fate girare queste slide su Facebook, su Twitter, via email agli amici. Perché la quantità di riforme realizzate è impressionante (meno diritti per tutti, tagli alla sanità, distruzione della scuola, riforma della costituzione by Verdini, salvaboschi), ma diventa condivisa solo se arriva agli occhi e al cuore delle persone. E questo possiamo farlo solo insieme".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali