FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Primarie Pd, si vota a Roma e Napoli Gazebo anche in altre quattro città

Nella Capitale è Giachetti il candidato che piace al premier Renzi, nel capoluogo partenopeo la Valente. Seggi anche a Trieste, Bolzano, Grosseto e Benevento

Primarie Pd, si vota a Roma e Napoli Gazebo anche in altre quattro città

Gli elettori del centrosinistra sono chiamati a scegliere il candidato sindaco in sei città: gazebo a Roma, Napoli, Trieste, Bolzano, Benevento e Grosseto. Un'imponente prova organizzativa ma, soprattutto, il tentativo di riavvicinare il "popolo del centrosinistra" dopo il trauma di Ignazio Marino a Roma e le spaccature a Napoli. Il premier Matteo Renzi ha così invitato al voto: "Siamo gli unici a fare le primarie".

Sfida a sei nella Capitale - La Capitale è la sfida più difficile, a cominciare dalla riconquista dei propri militanti; potrebbe aiutare il fatto che sono "primarie vere", dove specie due candidati se la giocano: Roberto Giachetti e Roberto Morassut, entrambi provenienti dalle esperienze del cosiddetto "modello Roma". Il primo è stato nella Giunta Rutelli, il secondo in quella di Veltroni. Oltre a loro, anche Gianfranco Mascia, dei Verdi, Stefano Pedica, del Pd, il generale Domenico Rossi (Ds-Cd) e Chiara Ferraro. Sono 193 i seggi allestiti, si vota dalle 8 alle 22.

Code ai gazebo, 40mila votanti alle 18 - Lunghe file si sono formate ai gazebo di Roma, dove alle 18 avevano votato circa 35-40mila persone, secondo gli organizzatori. "Voglio ringraziare i 1.500 volontari che da sabato sera stanno lavorando per far sì che quella delle primarie sia una bella festa della democrazia - ha detto Giancarlo D'Alessandro, presidente del comitato organizzatore -. Le file ai seggi sono un bel segnale: chi pensava a una scarsa partecipazione si dovrà ricredere".

A Roma atti vandalici contro i gazebo - Atti vandalici durante la notte ai gazebo allestiti a Roma per le primarie del centrosinistra. A denunciarlo è il commissario dem a Roma Matteo Orfini. "Hanno rubato alcuni gazebo, in altri casi solo il contenuto, come sedie e tavoli. Altri li hanno danneggiati. In ogni caso abbiamo riallestito tutto", dice. "Tutti i seggi sono regolarmente in funzione", aggiunge.

A Napoli Valente vs Bassolino - Se a Roma è Giachetti il candidato che piace a Renzi, a Napoli lo è Valeria Valente. Nel capoluogo partenopeo la scesa in campo di Antonio Bassolino, invece, non è apprezzata dalla segreteria nazionale. In corsa anche Marco Sarracino del Pd ed Antonio Marfella, indipendente del Psi. I seggi allestiti sono 78, nelle dieci municipalità. Si vota dalle 8 alle 21.

Trieste, Bolzano, Grosseto e Benevento - A Trieste si confrontano il sindaco uscente Roberto Cosolini, e il senatore Francesco Russo, vicino alla presidente Debora Serracchiani. A Bolzano la corsa è a quattro: Renzo Caramaschi, Alessandro Huber, Sandro Repetto, Cristina Zannella. Tre invece i candidati in lizza a Grosseto (Paolo Borghi, Lorenzo Mascagni e Francesco Giorgi) e due a Benevento (Raffaele Del Vecchio e Cosimo Lepore): due città, queste ultime, storicamente difficili per il centrosinistra.

Pre-registrazione per 16enni e stranieri - Come in tutte le precedenti primarie anche in queste potranno votare anche i sedicenni e gli stranieri regolarmente residenti. Ma per evitare polemiche analoghe a quelle di Milano o di Napoli cinque anni fa, a causa della partecipazione di cittadini cinesi, questa volta gli stranieri dovevano pre-registrarsi online.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali