FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Omicidio stradale, governo battuto poi lʼok della Camera: si torna al Senato

Lʼesecutivo va sotto su un emendamento di Forza Italia, votato con 247 sì e 219. Il testo, modificato a Montecitorio, torna a Palazzo Madama

Omicidio stradale, governo battuto poi l'ok della Camera: si torna al Senato

Il governo è stato battuto alla Camera su un emendamento di Forza Italia alla proposta di legge sull'introduzione dell'omicidio stradale. L'Aula ha approvato, a scrutinio segreto, un emendamento di Francesco Paolo Sisto con 247 sì e 219 no malgrado il parere contrario del governo. Il testo è stato poi approvato dall'assemblea di Montecitorio. A causa della modifiche, tuttavia, dovrà tornare al Senato.

I voti a favore del progetto di legge che introduce nell'ordinamento penale il reato di omicidio stradale sono stati 346, 21 i contrari (Forza Italia ed Ala), 46 gli astenuti (Sel e Conservatori e riformisti).

Il Pd: "Diventerà legge" - "Pensiamo che quella sull'omicidio stradale sia una buona legge, evidentemente a voto segreto il Parlamento la pensa in modo diverso, e rispettiamo le decisioni del Parlamento. Ma non è un problema. Torneremo in Senato: diventerà legge". Così in aula alla Camera il capogruppo del Pd Ettore Rosato, dopo che il governo è stato battuto su un emendamento che modifica la proposta di legge sull'omicidio stradale.

Brunetta: si apre problema politico - "Si apre un problema politico per il governo e per la maggioranza. Questo voto non può passare inosservato. Chiedo sia aperta una riflessione". Così il capogruppo di Fi alla Camera Renato Brunetta.

M5S rimprovera il governo - "Il Governo va sotto su un aspetto che già alla prima lettura avevamo evidenziato per l'evidente pregiudizio cagionato alle vittime stradali nelle misura in cui veniva previsto l'arresto in flagranza a prescindere se chi causa l'incidente soccorra la vittima o meno". Così i componenti M5S della commissione Giustizia alla Camera in merito all'emendamento approvato in Aula che modifica il disegno di legge costringendolo a un ulteriore lettura al Senato.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali