FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Migranti, Alfano: "Nessun profugo precederà gli italiani nei diritti"

Il ministro smentisce una circolare del Viminale relativa alla concessione della residenza agli irregolari

Migranti, Alfano: "Nessun profugo precederà gli italiani nei diritti"

"Mai nessun profugo precederà un italiano nell'erogazione dei servizi che gli enti italiani devono agli italiani". A garantirlo è il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, rispondendo a una interrogazione parlamentare relativa ad alcune notizie che parlavano di una circolare del Viminale sui richiedenti asilo. Sul tema, ha spiegato, "non c'è alcuna innovazione rispetto al testo unico sull'immigrazione o al decreto legislativo del 2015".

Alfano ha detto di aver "letto queste notizie di stampa", ma ha sottolineato che non c'è "nessuna mia circolare a tal proposito" e "nessuna residenza anagrafica agli stranieri irregolari". La notizia, ha invece spiegato il ministro, citava erroneamente una circolare "che in realtà era una comunicazione verso una prefettura che aveva chiesto come regolarsi sui richiedenti asilo". E in ogni caso, ha specificato il titolare del Viminale, "l'iscrizione e le variazioni nei registri anagrafici sono previsti solo per chi è regolarmente in Italia, in possesso di un permesso di soggiorno o è richiedente asilo".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali