FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

La Procura di Torino contro Salvini Indagine sulle frasi contro le toghe

Il magistrato vuole verificare la sussistenza del reato di vilipendio dellʼordine giudiziario. Immediata la replica del segretario leghista: "Ci sono tanti bravi giudici, ma serve pulizia"

La Procura di Torino contro Salvini Indagine sulle frasi contro le toghe

Il procuratore di Torino Armando Spataro ha avviato una serie di accertamenti sulle espressioni contro la magistratura pronunciate da Matteo Salvini in occasione del congresso piemontese del Carroccio. "La magistratura è una schifezza", aveva detto il segretario federale della Lega Nord. Il magistrato, che ha affidato l'incarico alla Digos di Milano, vuole verificare la sussistenza del reato di vilipendio dell'ordine giudiziario.

L'iniziativa, spiega una nota della Procura, è stata presa "a seguito della pubblicazione su vari quotidiani di alcuni articoli contenenti riferimenti ad espressioni, quali 'La magistratura è una schifezza', che l'on. Matteo Salvini avrebbe pronunciato" con riferimento al rinvio a giudizio disposto nei confronti del vicesegretario della Lega e assessore regionale in Liguria allo Sviluppo Economico Edoardo Rixi, nell'ambito dell'inchiesta sulle spese pazze in Regione.

Salvini: "Ci sono tanti bravi giudici, ma serve pulizia" - Immediata la risposta del leader leghista, che sottolinea come "per fortuna, ci sono tanti giudici che fanno benissimo il loro lavoro: penso a chi è in prima linea contro mafia, camorra e 'ndrangheta. Purtroppo è anche vero che ci sono giudici che lavorano molto di meno, che fanno politica, che indagano a senso unico e che rilasciano in 24 ore pericolosi delinquenti. Finché la magistratura italiana non farà pulizia e chiarezza al suo interno, l'Italia non sarà mai un paese normale".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali