FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Ius soli, Gentiloni: legge giusta ma no condizioni per ok prima dellʼestate

A causa delle difficoltà emerse nella maggioranza. "Per il Pd resta un obiettivo importante", dice il vicesegretario dem e ministro Martina. Salvini esulta: "Eʼ una vittoria della Lega, stop allʼinvasione"

Ius soli, Gentiloni: legge giusta ma no condizioni per ok prima dell'estate

"Tenendo conto delle scadenze urgenti non rinviabili in calendario al Senato e delle difficoltà emerse in alcuni settori della maggioranza non ritengo ci siano le condizioni per approvare il ddl sullo ius soli prima della pausa estiva". Lo afferma in una nota il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni. "Si tratta comunque di una legge giusta. L'impegno mio personale e del governo per approvarla in autunno rimane", aggiunge.

Cei: "Rinvio ius soli è una vittoria dei prepotenti" - Il rinvio dello ius soli "è una vittoria dei prepotenti sui piccoli che non hanno voce, una vittoria dell'indecisione, una vittoria dell'incapacita' di risolvere i problemi". Lo dice monsignor Giancarlo Perego, direttore di Migrantes (Cei) e arcivescovo di Ferrara-Comacchio. Il diritto in questione "non è un premio ma uno strumento fondamentale di integrazione", sottolinea il vescovo.

Martina: "Per il Pd resta un obiettivo importante" - "Sullo ius soli il Pd seguirà l'indicazione proposta dalle valutazioni del presidente Gentiloni", commenta il vicesegretario dm e ministro Maurizio Martina. "Come sempre detto, siamo al suo fianco. La legge per la nuova cittadinanza rimane per noi un obiettivo importante", aggiunge.

Alfano: "Bene Gentiloni, in Senato diremo sì al testo" - "Il presidente del Consiglio ha gestito la vicenda con realismo, buonsenso e rispetto per chi sostiene il suo governo. Apprezziamo molto. Al tempo stesso, ribadiamo che su questo provvedimento abbiamo già detto sì alla Camera e lo stesso faremo al Senato dove una discussione più serena permetterà di migliorare il testo, senza che il dibattito si mescoli alla faticosa gestione dell'emergenza di questi giorni", dichiara il ministro degli Esteri e leader di Ap Angelino Alfano.

Salvini: "Stop invasione, vittoria della Lega" - "Ius soli, parla Gentiloni: 'Non riusciremo ad approvare la legge sulla cittadinanza in estate'. Prima vittoria, della Lega (che più di tutti si è opposta in Parlamento) ma soprattutto vostra, che in Rete vi siete mobilitati a migliaia! Se ci riproveranno, ci ritroveranno pronti. Grazie e avanti così: stop invasione". Così su Facebook il segretario della Lega, Matteo Salvini.

Speranza (Mdp): "Rinvio è un errore, non cedere alla destra" - "Per noi lo ius soli è e resta una priorità. Ogni arretramento o rinvio è un errore. Soprattutto in questo momento". Lo dichiara Roberto Speranza, coordinatore di Mdp, commentando le parole del premier Gentiloni. "Nessun cedimento culturale alla propaganda della destra", aggiunge.

Fratoianni (Si): "Affonda la propaganda del Pd e del governo" - "E così affonda la propaganda e riemerge la realta' di questo Pd e di questo governo", afferma invece il segretario nazionale di Sinistra italiana, Nicola Fratoianni. "Per lo ius soli - prosegue - non ci sono le condizioni: ce lo dice nientemeno che il presidente del Consiglio. Ancora una volta a vincere sono le ragioni di una cultura ipocrita e regressiva. Noi - conclude Fratoianni - continueremo a batterci perché venga approvata al più presto una legge di civiltà".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali