FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Il sindaco di Quarto: "Non mi dimetto, i voti della camorra ci fanno schifo"

Il primo cittadino del Comune napoletano spiega che "il M5S chiude la porta ai tentativi di infiltrazione"Il M5S: "Lʼonestà ha un prezzo, il sindaco si dimetta"

Il sindaco di Quarto: "Non mi dimetto, i voti della camorra ci fanno schifo"

"I voti della camorra ci fanno schifo". A dirlo è il sindaco del comune napoletano di Quarto, Rosa Capuozzo, in un video pubblicato su Facebook. "Abbiamo chiuso la porta perché il M5S chiude la porta ai tentativi di infiltrazione", aggiunge la Capuozzo, che sottolinea come "la lotta alla camorra non ha un colore politico: è una lotta di tutti".

"Devo essere chiarissima - prosegue il sindaco -: non c'è nessuna intenzione di dimettermi. Ho il sostegno di tutto il Movimento, di tutti i cittadini di Quarto e le dimissioni non le ho prese in considerazione perché non ci sono i motivi".

La vicenda - A Quarto, Comune precedentemente sciolto per associazione mafiosa, un candidato consigliere, Giovanni De Robbio, avrebbe portato in dote al Movimento Cinque Stelle 840 voti ottenuti attraverso pratiche di voto di scambio (il M5s aveva vinto con il 70.79% dei voti, pari a 9.744 preferenze contro i 4.020 degli avversari, ndr). Successivamente avrebbe richiesto per sé la presidenza del Consiglio Comunale e, per un suo amico, l'imprenditore di pompe funebri Alfonso Cesarano, la gestione dello stadio. Non avendo ottenuto niente, secondo quanto dicono le intercettazioni, avrebbe ricattato il sindaco Rosa Capuozzo, minacciando di rivelare alla stampa un presunto abuso edilizio.

Il primo cittadino, però, non ha ceduto alle pressioni e il consigliere è stato espulso dal Movimento il 14 dicembre 2015 per i suoi "comportamenti palesemente non conformi al programma". La cacciata, quindi, è arrivata una decina di giorni prima che De Robbio ricevesse l'avviso di garanzia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali