FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Fannulloni, Renzi contro i sindacati "Non capisco le loro polemiche"

"Chi viene sorpreso a timbrare il cartellino e andare via deve essere licenziato in 48 ore", ha ribadito il premier nel suo intervento alla Reggia di Caserta

Fannulloni, Renzi contro i sindacati "Non capisco le loro polemiche"

Dopo gli annunci sul pugno duro contro i fannulloni, Matteo Renzi replica ai sindacati dicendo: "Non capisco le loro polemiche su quanto abbiamo detto, e cioè che chi viene sorpreso a timbrare il cartellino e andare via deve essere licenziato in 48 ore". Parlando dalla Reggia di Caserta, il premier ha poi annunciato "il primo provvedimento in Consiglio dei ministri per portare le aziende municipalizzate da ottomila a mille".

Il presidente del Consiglio è poi tornato sulle accuse lanciate da Juncker contro di lui e ha detto: "L'Italia deve farsi sentire e far capire, con la gentilezza che le è propria, che è finito il tempo in cui ci telecomandavano da fuori".

E ha poi aggiunto: "Noi che rispettiamo tutti i regolamenti dell'Ue e stiamo mettendo il nostro onore perché si possa ridurre il numero delle procedure di infrazione e perché tutti i giorni si possa portare l'Italia a testa alta in Europa, diciamo con franchezza che l'Europa è innanzitutto identità, cultura, idealità".

"In un momento nel quale in tutto il mondo vediamo situazioni di tensione e scenari di guerra - ha ripreso -, vi rendete conto se può essere normale fare delle polemiche assurde sul niente? L'Italia ha bisogno di tornare a essere quel che è sempre stata per secoli: un punto di riferimento. Alzate la testa e guardate questo teatro: questa è l'Italia".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali