FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Dipendenti pubblici, in Lombardia meno che nel resto d’Italia

Al secondo e al terzo posto si piazzano l’Emilia Romagna e il Piemonte. Il risultato peggiore è, invece, quello della Val d’Aosta

Dipendenti pubblici, in Lombardia meno che nel resto d’Italia

Il dato nettamente migliore per quanto riguarda i dipendenti pubblici in Italia è quello della Lombardia. Nella regione ci sono 41,21 dipendenti dell’intero comparto pubblico nazionale ogni mille abitanti. Al secondo posto si piazza l’Emilia Romagna con 47,60 e poi il Piemonte con 49,68. Il risultato peggiore è quello della Val d’Aosta con 94,78: più del doppio rispetto alla Lombardia. Questi i dati resi noti dal Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato (ministero dell’Economia e delle Finanze), elaborati da Éupolis Lombardia e riportati dalla Regione in vista del referendum consultivo per l’autonomia fissato per il 22 ottobre.

Ragioni a statuto ordinario - Se si considerano, invece, soltanto i dipendenti delle singole regioni a statuto ordinario, i risultati per la Lombardia sono ancora più significativi. Ogni mille abitanti soltanto lo 0,33% dei cittadini è un dipendente regionale. Le altre regioni virtuose da questo punto di vista sono Veneto, Piemonte ed Emilia Romagna, ma con valori comunque doppi rispetto alla Lombardia (rispettivamente 0,55%, 0,63% e 0,64%). Da notare, inoltre, che il dato lombardo è in miglioramento: nel 2013, il valore di riferimento era lo 0,34% e si contavano venti dipendenti in più (3.304 contro 3.284). Le regioni peggiori su questo fronte sono il Molise (2,06%), la Basilicata (2%) e l’Umbria (1,41%). Le prime due con valori di sei volte superiori rispetto alla Lombardia.

Costo del lavoro dei dipendenti pubblici - Un terzo dato che dimostra la capacità lombarda di far funzionare al meglio la macchina amministrativa utilizzando il minor numero di risorse possibile è quello relativo al costo del lavoro dei dipendenti pubblici. A ogni lombardo costano 18,75 euro, il dato di gran lunga più basso delle regioni a statuto ordinario. Al secondo posto c’è il Veneto con 29,38 euro e poi l’Emilia Romagna con 35,22. Dalla parte opposta della classifica non cambia nulla rispetto a quanto segnalato in precedenza: i dati peggiori sono registrati da Molise (con 144,73 euro), Basilicata (105,31 euro) e Umbria (75,02 euro). Nonostante i costi fossero già estremamente contenuti, anche in questo caso la Lombardia è riuscita a migliorare ulteriormente la situazione nel giro di un anno: nel 2013, i dipendenti regionali costavano infatti a ogni lombardo 19,26 euro. Una variazione del 2,65%, raggiunta grazie a un contenimento dei costi del lavoro pari a 1,6 milioni di euro. Per interpretare ancora meglio il dato relativo alla situazione lombarda si consideri che il valore medio delle regioni italiane a statuto ordinario si attesta a 38,95 euro. Più del doppio.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali