FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Banche, Verdini salva ancora Renzi

Dopo il voto sulle rifome costituzionali, Ala voterà no alle mozioni di sfiducia: "Ma non siamo in maggioranza" ribadisce DʼAnna

Banche, Verdini salva ancora Renzi

Dopo l'appoggio sulle riforme costituzionali, mercoledì al Senato è previsto il voto sulle mozioni di sfiducia presentate dall'opposizione sul "caso banche". I numeri traballanti della maggioranza saranno ancora una volta soccorsi dai 18 verdiniani che hanno annunciato il voto a favore del governo. "Ma non siamo entrati nella maggioranza", precisa il portavoce di Ala Vincenzo D'Anna.

"E' un voto sul merito" - gli fa eco il compagno di partito Ciro Falanga - "Semplicemente non siamo d'accordo con quanto scritto sulle mozioni", spiega sul Corriere. Tant'è vero - dicono i verdiniani - che le cose sul testo delle unioni civili le cose potrebbero cambiare. Deputati e senatori di Ala hanno libertà di coscienza ma l'aria che tira non è delle migliori per il testo Cirinnà. "Così com'è l'articolo 5 sulla stepchild adoption non lo voterò", avverte il portavoce D'Anna. "Alla Camera continueremo a presentare emendamenti" gli fa eco Falanga.

Roberto Speranza, che guida la minoranza Pd, da parte sua chiede "un chiarimento politico vero. Basta gioco delle tre carte. Ogni volta che Verdini & Co. votano con noi il Pd ci rimette". Facile sommare voti in Parlamento - sottolinea Speranza - altra cosa è sommare voti degli elettori".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali