> Tgcom24 > Politica > La Consulta boccia i tagli alle Province
3.7.2013

La Consulta boccia i tagli alle Province

Per i giudici la contestata riforma, contenuta nel decreto "Salva Italia, è "incostituzionale"

20:05 - La Consulta ha dichiarato l'illegittimità costituzionale della riforma delle Province contenuta nel decreto "Salva Italia" e il loro riordino, che ne prevede la riduzione in base ai criteri di estensione e popolazione. "Non è materia da disciplinare con decreto legge", hanno stabilito i giudici costituzionali.
Regge al vaglio della Consulta la riforma della geografia giudiziaria: sono state infatti giudicate infondate le questioni sollevate dai tribunali di Pinerolo, Alba, Sala Consilina, Montepulciano e Sulmona contro la loro soppressione; inammissibile quella del Friuli Venezia Giulia. Solo Urbino si salva.

Secondo i giudici, "il decreto-legge, atto destinato a fronteggiare casi straordinari di necessità e urgenza, è strumento normativo non utilizzabile per realizzare una riforma organica e di sistema quale quella prevista dalle norme censurate nel presente giudizio".

La Consulta aveva esaminato nel corso dell'udienza pubblica di ieri i ricorsi presentati dalle Regioni contro il decreto Salva Italia (decreto 201) del dicembre 2011 che con l'articolo 23 ha di fatto 'svuotato' le competenze delle Province e ne ha profondamente modificato gli organi di governo: non più di 10 componenti eletti dai Comuni e il presidente scelto all'interno del consiglio provinciale. Sotto la lente della Corte anche il decreto 95 del 2012 sul riordino delle Province in base ai due criteri dei 350 mila abitanti e dei 2.500 chilometri di estensione in base ai ricorsi avanzati dalle autonomie.
OkNotizie
 
Le notizie del giorno
 
 
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile