FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Aborto clandestino, nuova supermulta Donne in rivolta: "Nessuno denuncerà"

Da 51 euro della legge 194 si è passati a 10mila euro con un decreto legislativo. Lʼappello delle associazioni al premier Matteo Renzi: "Intervenga". Il popolo di Twitter si mobilita a colpi di hashtag

Aborto clandestino, nuova supermulta Donne in rivolta: "Nessuno denuncerà"

Associazioni in rosa in rivolta contro il governo che depenalizza il reato di aborto clandestino ma ne aumenta la sanzione. Il 15 gennaio un decreto legislativo ha infatti "gonfiato" l'ammenda da 51 a 10mila euro. Il presidente di Donne in Rete contro la violenza ha scritto una lettera a Matteo Renzi poiché "così nessuno denuncerà il reato". Il popolo di Twitter si è mobilitato a colpi di hashtag con #obiettiamolasanzione e #apply194.

Aborto clandestino, nuova supermulta Donne in rivolta: "Nessuno denuncerà"

"Gravissimo errore quello dell'inasprimento delle sanzioni, ignora completamente le ragioni per cui la legge 194 comminava una multa simbolica, ovvero permettere alle donne di denunciare i 'cucchiai d'oro' che praticavano aborti illegali e, soprattutto, permettere loro di andare in ospedale al primo segno di complicazione senza rischiare la denuncia", scrive Titti Carrano.

Soprattutto, riporta La Stampa, poiché il numero di obiettori di coscienza in Italia è elevatissimo. "Arriva al 70% - stigmatizza la presidente di Dire - con punte fino all'82% in Campania, del 90% in Basilicata, del 93,3% in Molise e del 69% in Lombardia". Inoltre, sottolinea, "nel 40% dei reparti di ginecologia e ostetricia italiani il servizio viene erogato a spizzichi.  La drammatica conseguenza è il turismo abortivo e il dilagare delle interruzioni di gravidanza clandestine".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali