FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

29/5/2009

Vacanza: a ognuno il suo stile

Risparmiosa, ma senza rinunce

Gli italiani sono pronti a fare sacrifici, ma considerano sacre le loro vacanze. Anche se la crisi economica pesa sui  bilanci e sul morale, sei italiani su dieci sostengono il momento di difficolt attuale non avr effetti sulle loro vacanze;  il 40% di loro comunque consapevole che ci saranno meno soldi da spendere.

Lo spiega l'Osservatorio Europcar-Doxa sugli Stili di vacanza degli italiani,  giunto alla sua quarta edizione con l'obiettivo di monitorare come cambia il rapporto dei nostri connazionali con il proprio tempo libero. Lo studio Le vacanze in tempo di crisi ha scoperto che pochi sembrano intenzionati a rinunciare a una fuga pi o meno lunga dalle citt durante i mesi estivi, anche se oltre un terzo degli intervistati ha deciso di non lasciarsi sfuggire le offerte low cost. E pur di risparmiare qualcosa, sono moltissime le persone pronte a rispolverare escamotage e piccole astuzie che sembrano riportarci indietro nel tempo, alla preistoria delle vacanze di massa.

Ad esempio, le vacanze no frills, ossia senza fronzoli, 2009 mettono al bando i ristoranti di lusso (89,8%) e le localit alla moda, preferendo le destinazioni meno turistiche (85%). Tanti cercheranno di partire a giugno o settembre (84,5%), quando i prezzi sono pi bassi, o visiteranno un Paese straniero con il cambio favorevole (76,8%). Non manca chi cercher di farsi ospitare da un amico o sfrutter una casa di famiglia (71,8%), utilizzando voli low cost (74,1%) e prenotando su Internet con molto anticipo (71,7%).

Tra le cose a cui proprio non si vuole rinunciare, spicca al primo posto il piacere di andare a cena fuori (44,4%), magari scegliendo locali semplici, osterie o trattorie, segue il piccolo lusso di un bell'albergo (28,5%), il piacere di una puntata in discoteca la sera (21,3%) e la comodit di un'auto a noleggio (21,2%), magari utilizzando una delle molte proposte di noleggio intelligente proposte sul Web a prezzi vantaggiosi.

Gli italiani che hanno dichiarato di non andare in vacanza sono comunque una percentuale ragguardevole, nel 2009 circa il 51%, ossia il 5% in pi dello scorso anno. Tra le principali caratteristiche della vacanza ai tempi della crisi, spiccano quattro strategie di risparmio: accorciare la durata delle vacanze (41%), cambiare tipologia di sistemazione (32%) o di destinazione (30,2%), ma anche rivedere la propria filosofia di utilizzo del tempo libero (25,6%). Questo ultimo aspetto prevede la ricerca delle cose semplici, del contatto con la natura,  (72% delle risposte), riscoprendo il piacere di leggere, riposarsi o pensare (56,4%), alle escursioni fai da te (48,3%) alle cene a casa (44%) e alla spiaggia libera invece dello stabilimento (39,2%).

Tra le destinazioni vanno forte le localit di montagna e colina, mentre il mare pi costoso e quindi un po in ribasso, anche se resta sempre la prima destinazione per il 69% degli italiani. In calo anceh le preferenze per le citt d'arte (5,5%, rispetto al 8,2% del 2008). In ogni caso, si tende a restare in Italia (scelta dal 71% dei vacanzieri contro il 68% dello scorso anno) con una preferenza per la Puglia, bella ed economica, che con il 13,5% delle scelte sale al primo posto fra le destinazioni programmate,

Lidentikit dei vacanzieri prevede quattro diverse tipologia a seconda
del budget e della reazione di fronte allattuale situazione economica.
1 - Irriducibili (36,1%): sono quelli che la vacanza la fanno a ogni costo. Sono soprattutto i giovani tra i 15 e i 34 anni, impiegati o studenti e che abitano nei
grandi centri. La crisi ha inciso sul loro budget, ma sono i pi motivati nel cercare escamotage per non rinunciare alle vacanze. 
2 Ottimizzatori: sono 31,4% e costituiscono il popolo delle vacanze last minute. Sono soprattutto giovani studenti, che scelgono la destinazione all'ultimo minuto, magari facendosi ospitare da amici e viaggiando con il treno.
3 i Tradizionalisti:sono persone che, risparmiando, vanno alla scoperta delle cose semplici. Sono il 22,8%, soprattutto adulti tra i 35 e i 54 anni che fanno vacanze formato famiglia, con figli al seguito. Le loro finanze hanno risentito della crisi, quindi rinunceranno alla vacanza lunga a favore di pi weekend, preferiranno la montagna, pi economica del mare, e si dedicheranno ad attivit semplici e possibilmente a contatto con la
natura
4 Gli Edonisti, invece (9,7%), non si fanno mancare nulla. Non si sentono attaccati dalla crisi, hanno un buon lavoro e un buono stipendio, Otto su dieci non hanno figli e un'et fra i 35 e i 54 anni. Per loro la vacanza sacra: rappresenta un'occasione per rilassarsi, leggere e pensare, senza rinunciare ad un bell'albergo, ad uno stabilimento balneare confortevole o ad una bella cena in un ristorante di livello.


Windows Live Condividi con Messenger
  • Condividi > 
  • Ok Notizie
  • Delicious
  • Digg
  • Twitter
  • Facebook
  • Google Bookmark
  • Badzu
  • Reddit
  • Technorati
  • Yahoo Bookmark