TGCOM

Gossip

Tutte le ultim'ora

4/3/2008

Platinette come mamma l'ha fatta

"Dimostro che tutti siamo desiderabili"

Su una cosa non c'è dubbio: le foto non sono ritoccate. Stiamo parlando degli scatti di Platinette al secolo Mauro Coruzzi, che ha posato senza veli per la copertina di marzo di "Pride", il mensile gay italiano. "Nuda sì, ma con la cipria", ha precisato Platinette rivelando l'unico trucco usato davanti all'obiettivo. "Ho cercato di dimostrare - ha spiegato - che chiunque può essere desiderabile, anche se fuori modello di riferimento".

"Ho pensato che questa fosse una bella occasione per mettere in discussione i modelli dominanti, anche nella comunità gay", ha dichiarato l'irriverente Platinette.  

Foto di Autuori&Carletti per Pride

Non solo: la conduttrice radiofonica spiega anche i motivi per cui ha deciso di posare, con il sorriso, come mamma l'ha fatta: "Si può ironizzare sul proprio corpo anche quando si ha un rapporto difficile come ce l'ho io, l'importante è saperlo e conviverci".

Infine la bonda opinionista svela anche il suo sogno nel cassetto, naturalmente quello professionale: "Fare la giornalista nei panni di Platinette e condurre il Tg Uno, come una specie di Angela Buttiglione dei tempi d'oro".

Infine l'immancabile provocazione:"La giornalista dava l'impressione, come se non fosse inquadrata, che con una mano girasse il sugo e con l'altra desse la linea all'inviato di turno. Ma questo in Italia non è possibile, non c'è coraggio, non c'entra l'omofobia".