FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Merkel e quellʼabbraccio con le Case tedesche

Un legame troppo stretto tra politica e auto

Sarà anche internazionale, ma il Salone di Francoforte è una vetrina dellʼauto tedesca. Di più, è lo specchio dellʼindustria automobilistica tedesca, dei suoi umori, dei suoi investimenti e anche delle sue esigenze, da affidare ai politici tedeschi. Un settore che vale 400 miliardi di euro di fatturato lʼanno e dà lavoro a 800 mila addetti, indotto escluso. E la politica risponde eccome, basterebbe riguardare le foto dellʼaccoglienza della cancelliera Angela Merkel da parte dei grandi costruttori tedeschi allʼinaugurazione della 67° edizione dello IAA di Francoforte.

Inaugurato il 67° IAA di Francoforte

Chi legge tra le righe, dice che è per questo che molti costruttori europei hanno dato forfait al Salone. I francesi di Peugeot (ma no Citroen), gli italo-americani di FCA, i sino-svedesi di Volvo e qualche nome di riguardo giapponese non hanno voluto immischiarsi in una liaison ‒ quella tra la cancelliera, impegnata peraltro in campagna elettorale ‒ e i costruttori tedeschi. A questi la Merkel ha chiesto coraggio per uscire dalle ferite del dieselgate, investendo in tecnologie e impegno sul fronte del rispetto ambientale, ma ha pure annunciato che il Fondo nazionale contro lʼinquinamento urbano passerà da 500 milioni a un miliardo di euro. Incentivi, in poche parole. Ha pure invitato le Case auto a proporre incentivi per facilitare il ricambio del parco circolante, eliminando quello più obsoleto.

Ad ascoltare la cancelliera in cerca del suo ennesimo mandato cʼera il gotha delle quattro ruote tedesche. Col numero uno di Daimler-Benz Dieter Zetsche si è anche intrattenuta a parlare e poi ha scambiato osservazioni con Matthias Mueller, amministratore delegato di Volkswagen e Rupert Stadler di Audi, e lʼA.D. di BMW Harald Krueger. Per finire, dopo il discorso, la Merkel ha visitato i padiglioni: Francoforte è enorme, il salone più impegnativo al mondo per i visitatori a caccia di novità e sorprese, e così la cancelliera ha ristretto il campo soltanto ad “alcuni” stand: Bmw, Volkswagen, Porsche, Daimler, Opel, Ford, Audi e Bosch. Tutte ma proprio tutte (Ford inclusa che ha sede a Colonia dal 1945) tedesche!

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali