FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Virginia, scontri a corteo suprematista: da destra a sinistra polemiche contro Trump

Lʼinquilino della Casa Bianca ha condannato le violenze ma non si è schierato. Per questo è stato subissato dalle critiche. La Casa Bianca: "Il presidente ha puntato il dito anche contro Ku Kluk Klan"

Polemiche contro Donald Trump dopo i violenti scontri tra militanti antirazzisti e suprematisti bianchi a Charlottesville. Negli scontri una persona è morta dopo che un'auto è finita sui manifestanti antirazzisti. Mentre un elicottero della polizia, che sorvolava la città, si è schiantato e due agenti sono deceduti. Trump è intervenuto via Twitter condannando ogni tipo di violenza. Ma da destra a sinistra è stato criticato: "Il diavolo ha un nome".

Usa, scontri alla manifestazione dei suprematisti bianchi

Scontri tra suprematisti e antirazzisti - Numerosi manifestanti di estrema destra, nella giornata di sabato, si sono presentati al corteo visibilmente armati, cosa che è consentita dalla legge dello stato americano della Virginia, e si sono posizionati in tenuta paramilitare, mostrando fucili semiautomatici, non lontano dalle forze dell'ordine. I primi scontri si sono verificati tra manifestanti e contromanifestanti ancor prima del corteo, con scambi di sassate e bottigliate, e sono proseguiti fino a convincere il governatore a prendere provvedimenti.

Auto sul controcorteo antirazzista - Durante la contromanifestazione degli antirazzisti, poi, un'auto si è schiantata contro la folla: oltre 35 i feriti e un morto, una donna di 32 anni che attraversava la strada. "Una vita è andata persa. Chiedo a tutti di andare a casa", ha affermato Michael Signer, sindaco di Charlottesville, commentando gli incidenti. Intanto l'uomo che si è lanciato con la sua auto sui dimostranti antirazzisti, il 20enne James Alex Fields di Maumee, in Ohio, è stato fermato: l'ipotesi di reato è terrorismo domestico. L'Fbi ha annunciato l'apertura di un'inchiesta per possibili violazioni dei diritti civili.

Tre arresti per gli scontri - La polizia ha poi arrestato altre tre persone per gli scontri a Charlottesville: sono Troy Dunigan, 21enne di Chattanooga (Tennessee), accusato di turbativa della quiete pubblica, Jacob L. Smith, 21enne di Louisa (Virginia), per violenza e percosse, e James M. O'Brien, 44enne di Gainesville (Florida) per avere con sé una pistola nascosta.

Il motivo della manifestazione dei suprematisti - Scopo della manifestazione di protesta era quello di denunciare il progetto della città di Charlottesville di eliminare la statua di un generale sudista favorevole allo schiavismo.

L'intervento di Trump e le polemiche - Sugli scontri è intervenuto anche il presidente americano, Donald Trump, condannando le violenze su Twitter: "Non c'è posto per questo tipo di violenza in America", ha spiegato, chiedendo a tutti di "unirsi e condannare l'odio", Il commento di Trump si è fatto attendere fra le polemiche: nonostante il presidente sia un avido consumatore di informazione televisiva, infatti, la sua condanna è arrivata dopo ore, affidata a un tweet. Inoltre non si è mai schierato contro i suprematisti finendo nel fuoco incrociato di critiche di democratici e repubblicani. Hillary Clinton ha attaccato: "L'incitamento che ci ha portato qui è reale e va condannato così come vanno condannati i suprematisti bianchi". "Caro presidente, il diavolo va chiamato con il suo nome: suprematisti bianchi e terrorismo domestico", ha ribadito il senatore repubblicano Cory Gardner.

La precisazione della Casa Bianca - Dalla Casa Bianca arriva la precisazione che tenta di sedare le polemiche. "La condanna di Donald Trump per gli scontri a Charlottesville include anche i suprematisti bianchi e il Ku Klux Klan. Il presidente condanna tutte le forme di violenza, intolleranza e odio".

La condanna di Bill Clinton - Una condanna degli incidenti è arrivata anche dai democratici, con l'ex presidente Bill Clinton che ha invitato a opporsi in modo secco e deciso al suprematismo bianco. Gli incidenti a Charlottesville sono gli ultimi di una lunga serie negli Stati Uniti, tutti legati alla rimozione di statue e simboli dei confederati della Guerra di Secessione.
 

Virginia, scontri a Charlottesville: 3 morti e oltre 30 feriti

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali