FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Usa, pianti dei bimbi in gabbia al confine con il Messico, agenti: "Eʼ unʼorchestra"

Bufera sullʼaudio registrato alla frontiera tra i due Paesi, dove i minori sono divisi dai genitori secondo le nuove norme sullʼimmigrazione. Trump: "Non saremo un campo profughi"

Scalpore negli Stati Uniti dopo un file audio registrato al confine con il Messico, dove in questi giorni l'amministrazione di Donald Trump sta attuando le nuove norme sulla stretta all'immigrazione. Nel materiale entrato in possesso dell'organizzazione no profit ProPublica e pubblicato su Youtube si sentono le grida e i pianti dei bambini messicani separati dai genitori nel tentativo di superare la frontiera texana. Tra i lamenti dei minori si sentono infatti alcuni agenti commentare: "Abbiamo un'orchestra qui".

Trump: "Non diventeremo un campo profughi" - Mentre divampa la polemica, il presidente Trump commenta: "Gli Stati Uniti non saranno un campo di accoglienza per migranti e non saranno un centro di detenzione per profughi. Vedete cosa sta accadendo in Europa, non possiamo permetterlo anche negli Usa". Il tycoon quindi non sembra voler fare passi indietro sul pugno duro verso i flussi dal Messico.

Texas, i figli dei migranti messicani separati dai genitori

Ecco le foto che mostrano in tutta la sua crudeltà la politica della "tolleranza zero" dell'amministrazione Trump. Nelle strutture della Us border patrol, in Texas, i genitori, clandestini messicani, vengono separati dai figli che stazionano in specie di gabbie.

leggi tutto

Melania e Laura Bush - Mentre la posizione del presidente appare irremovibile, dalla moglie Melania arrivano parole decisamente più distensive. Melania "odia vedere bambini separati dalle loro famiglie, spera che entrambi gli schieramenti possano unirsi per ottenere una riforma migratoria di successo", ha detto alla Cnn Stephanie Grisham, portavoce della First lady.

A farle eco Laura Bush, moglie dell'ex presidente George W. Bush, che sul Washington Post ha scritto: "Capisco la necessità di proteggere i nostri confini internazionali, ma questa politica di tolleranza zero è crudele. È immorale. Mi spezza il cuore".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali