FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Usa, i democratici contro Trump Jr: va sentito su Wikileaks

Il figlio del presidente Usa ha pubblicato poi su Twitter i suoi scambi con lʼorganizzazione di Assange. "Questi sono i messaggi, incluse le mie tre risposte".

Usa, i democratici contro Trump Jr: va sentito su Wikileaks

I democratici americani vanno all'attacco di Donald Trump Jr per la corrispondenza con Wikileaks. Alle critiche sui contatti fra il figlio del presidente e l'organizzazione di Julian Assange si aggiunge la richiesta di sentire pubblicamente Trump Jr, che a loro avviso dovrebbe essere convocato. Trump Jr ha pubblicato poi su Twitter i suoi scambi con Wikileaks. "Questi sono i messaggi, incluse le mie tre risposte".

Tutto parte dalle rivelazioni del'lAtlantic che scrive come il gruppo guidato da Julian Assange abbia contattato più volte il figlio maggiore del presidente americano, cercando di avere da lui aiuto nel diffondere i documenti in suo possesso sul web.

"Ciao, sarebbe bello se voi riusciste a commentare e a spingere questa storia", ha scritto l'account Twitter di WikiLeaks a Donald Jr. in un messaggio privato. Ne sono seguiti altri, a cui, in alcuni casi Trump ha risposto.

I messaggi sono contenuti nei documenti che i legali di Donald Jr. hanno consegnato al Congresso, che sta indagando sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali. Secondo le agenzie di intelligence americane, WikiLeaks sarebbe in contatto con hacker legati al governo russo, e diffonderebbe il loro materiale. In altri casi WikiLeaks ha chiesto a Trump Jr. di negare i risultati delle elezioni, definendoli falsi e ancora di proporre ad Assange il posto di ambasciatore australiano in america.

Quasi sempre Trump Jr. ha ignorato i messaggi e quando non lo ha fatto ha diffuso materiale su Hillary Clinton e sul partito democratico. Secondo una fonte di Atlantic, il figlio del presidente ha girato il primo messaggio ricevuto con una mail a Steve Bannon, Kellyanne Conway, Brad Parscale e Jared Kushner, sostenendo che era stato contattato da WikiLeaks.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali